Le toccanti parole di Roberto Bolle dedicate a Carla Fracci, da ballerino a ballerina

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Getty Images
Photo credit: Getty Images

La foto condivisa da Roberto Bolle su Instagram per ricordare Carla Fracci è uno scatto bianco e nero che rivela la profonda complice intimità dei due ballerini, di quelle possibili solo tra chi condivide la stessa passione, senza compromessi. Questa è parte della dedica fatta di parole e immagini con cui Roberto Bolle ha voluto omaggiare Carla Fracci, scomparsa il 27 maggio 2021, étoile della Scala ed eterna ispirazione, ma soprattutto amica di Roberto Bolle.

La ballerina della Scala era nata a Milano nel 1936 e durante la sua folgorante carriera si era esibita con i più grandi: da Nureyev a Vasiliev, da Bortoluzzi a Bolle. Una sola foto non basta per descrivere il cordoglio del mondo della danza ma Roberto Bolle ha voluto esprimere come una sola voce tutto ciò che l'indelebile figura di Carla Fracci ha fatto per il balletto in Italia. La prima a rendere la danza più accessibile per il grande pubblico, a ballare fuori dai teatri, a portare lo spettacolo classico in tv, ha ricordato in un'intervista rilasciata a Il Corriere della Sera.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Del primo incontro con lei Roberto Bolle ha raccontato al Corriere: " Il passo successivo è stato collaborare: io ero appena entrato nel corpo di ballo e mi sono trovato a ballare con lei Lo spettro della rosa, per giunta in Giappone [...] Io terrorizzato, più ancora che per il mio debutto nel ruolo, per il fatto di dover ballare con l’icona della danza come lei. Avevo un timore reverenziale unito all’agitazione all’idea di sbagliare qualcosa: non tanto i miei passi, ma piuttosto non tenerla bene, non sostenerla abbastanza...". Poi il ballerino continua: "Nonostante fosse un mito mi ha aiutato moltissimo, non mi ha messo mai a disagio o in una posizione difficile: mi ha sempre supportato. Negli anni il nostro rapporto si è consolidato sempre più, diventando anche molto affettuoso. Vederla era sempre un piacere; l’ultima volta lo scorso febbraio".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo meraviglioso rapporto Roberto Bolle l'ha riassunto nello scatto pubblicato sui social. Qui Carla Fracci è seduta e indossa quello che probabilmente è un abito di scena che non si è ancora tolta, i capelli raccolti nello chignon da ballerina, lo sguardo dolce e fiero rivolto verso il suo compagno di palco. Con una mano, la stella della Scala accarezza la guancia di Roberto Bolle, chino su di lei in smoking, che ricambia lo sguardo complice. Alla toccante immagine Roberto Bolle fa seguire una dedica emozionante: "Buon viaggio Carla. Grazie per aver ispirato generazioni di ballerini e ballerine, per aver portato la danza italiana ai vertici della danza mondiale, e averla fatta entrare nelle case e nei cuori di milioni di italiani che mai si sarebbero avvicinati a quest’arte. Grazie per la dedizione, la passione, gli insegnamenti. Ci mancherai…".