Lee: la nuova pellicola sul farmaco per curare la disfunzione erettile

·2 minuto per la lettura
spike lee film viagra
spike lee film viagra

Spike Lee gira un film musicale sulle origini del Viagra, il famoso farmaco creato dalla Pfizer per curare la disfunzione erettile. Il regista ha preso spunto dall’articolo di Esquire di David Kushner, dove si raccontano le difficoltà che il farmaco ha incontrato quando è stato messo sul mercato.

Spike Lee: il film sul Viagra

Un film musicale sulla nascita del Viagra: questa è l’impresa che Spike Lee intende portare al cinema. Il regista ha preso spunto dall’articolo di Esquire di David Kushner, intitolato “All Rise: The Untold Story of the Guys Who Launched Viagra”. L’idea è quella di raccontare le difficoltà che il farmaco della Pfizer ha incontrato dopo che è stato messo sul mercato. A mettere i bastoni tra le ruote alla nota casa farmaceutica furono, in primis, Wall Street e la Chiesa Cattolica ed è proprio questo che Spike Lee vuole raccontare al grande pubblico.

Il regista si è detto entusiasta di iniziare questo nuovo progetto e per la scrittura si è affidato a Kwame Kwei-Armah, attore e drammaturgo inglese. Le musiche, invece, sono curate dal duo Stew Stewart e Heidi Rodewald, che hanno già vinto un Tony Award per lo spettacolo “Passing Strange”. Spike Lee, in merito al film sul Viagra, ha dichiarato:

“Prima di tutto ringrazio la signora Jacquelyn Shelton Lee, la mia defunta madre per (come direbbe lei) aver portato ‘il mio stretto, arrugginito didietro’ trascinando, scalciando e urlando al cinema mentre crescevo nelle strade della Repubblica popolare di Brooklyn. Non volevo vedere gente cantare e ballare. Volevo invece giocare con i miei amici. (…) Mio padre, Bill Lee, bassista jazz/folk e compositore odiava la stramberia di Hollywood per cui, visto che io, il più grande di cinque figli, sono diventato l’accompagnatore di mamma al cinema. Era lei la cinefila. Grazie a Dio non ha ascoltato i miei continui lamenti sui musical. Quindi, finalmente, dopo trent’anni da regista, dirigerò un musical e non vedo l’ora”.

Al momento, il regista non ha fornito ulteriori dettagli.