Levante maestra di vita subito, il suo discorso motivazionale su Instagram è da imparare a memoria

Di Monica Monnis
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images
Photo credit: Vittorio Zunino Celotto - Getty Images

From ELLE

Stay hungry, stay foolish è forse il discorso motivazionale più riuscito di sempre. L'idea di rimanere sempre affamati, di non accontentarsi, di volersi sempre migliorare e mettere in gioco e di essere un po' folli e sconsiderati nel coraggio di buttarsi, di evolversi e non lasciarsi spaventare dall'ignoto. Steve Jobs lo ha consigliato vivamente agli studenti dell'Università di Stanford nel 2005 e poi dopo il suo farewell a tutto il mondo, che ne ha fatto tesoro prendendolo in prestito, maneggiandolo, adattandolo. Prendi Levante che in uno dei suoi recenti post su Instagram parla di sudore, sgambetti e autostima, ripercorrendo gli inizi della sua carriera e ricordando quella "ragazza con i baffi che ha trasformato tutti i NO della vita in dei superpoteri" e che oggi continua a barcamenarsi in una gincana tra detrattori, haters e allusioni. "Penso a chi ha ancora molti sogni da realizzare, proprio come me, e l’unica cosa che mi viene da dire è sempre la stessa: abbiate coraggio". Affamati e folli, dicevamo.

“Vi diranno che fate 30 e non fate 31, vi diranno che non c’è alcun modo per voi di arrivare alla gente se non tramite uno show televisivo, vi diranno che quello che fate non lo capisce nessuno, che uno come voi esiste già. Sono minchiate", scrive Levante su Instagram in uno

stream of consciousness che attinge dalla sua esperienza personale (il successo per Claudia Lagona arriva nel 2013 con il singolo Alfonso, certificato disco d'oro dalla FIMI quattro anni più tardi ndr). "Un giorno, se avrete lavorato onestamente e duramente, se non sarete stati la copia di qualcuno, se avrete davvero la necessità di esprimervi, arriverete a chi vi va. Io volevo scrivere e cantare per me e trovare conforto e comprensione negli altri. È successo”, continua la cantante e giudice di X Factor nel 2017 (forse lo "show televisivo" di cui sopra?). Un punto di arrivo? No. Perché la scalata è solo all'inizio, le critiche ricevute finora sono solo l'antipasto di quelle che la popolarità contiene gelosamente nel suo starter pack.

"Quando succederà, se siete donne, vi diranno che forse avete usato dei trucchetti, che 'le canzoni chi gliele scrive? Ma anche la musica?', vi diranno 'ma i libri? Avrà una ghost!'... si chiederanno 'chi la veste? Non ha uno stylist!!!?' Insomma non continuo, sospetteranno che non sapete fare più cose da sole", spiega toccando il tema del sessismo imperante che continua a insinuarsi a tutti i livelli e al modus operandi di denigrare le donne, ma in generale le minoranze, "che ce l'hanno fatta" e di cui siamo spettatori un giorno sì e l'altro pure. "Questo è il mio sorriso a tutti i 'vi diranno', perché ho costruito costruito costruito con il mio manuale distruzione, anche grazie ai detrattori", chiosa, "Iniziate la giornata così, senza farvi dire chi siete. Solo VOI sapete chi siete". Okay, Levante life coach s-u-b-i-t-o.