L'ex conduttrice non le ha mandate a dire al padrone di casa del game

·2 minuto per la lettura
paola-barale-paolo-bonolis-avanti-un-altro
paola-barale-paolo-bonolis-avanti-un-altro

Durante l’ultima puntata di Avanti un altro – Pure di sera, Paola Barale e Paolo Bonolis hanno dato spettacolo lanciandosi frecciatine nel corso del game show. Durante la trasmissione del prime time di Canale 5, il conduttore e la showgirl hanno fatto divertire il pubblico a suon di battutine, anche abbastanza inacidite tra i due.

Paola Barale e Paolo Bonolis: le battutine ad Avanti un altro

Durante la seconda puntata di Avanti un altro – Pure di sera di domenica 18 aprile, al cospetto di Paolo Bonolis e Luca Laurenti si è presentata Paola Barale. Ex conduttrice molto amata dai telespettatori Mediaset che nel corso della carriera ha lavorato per tanti anni al fianco dei due mattatori, soprattutto durante gli anni di Buona Domenica.

La Barale, ospite di puntata, una volta arrivato il suo turno di gioco, si è seduta di fronte al conduttore e ha subito iniziato a lanciare qualche frecciatina nei suoi confronti. “Grazie per questo invito anche se non è partito da te e nemmeno da te, ma dal maggior responsabile, dal principale responsabile di questo programma: tua moglie Sonia.”.

La battuta stizzita di Paola ha fatto rimanere per un centro momento di stucco sia Bonolis che il pubblico in studio. Nessuna tensione, però. I due avevano deciso di portare avanti una gag che da lì a poco avrebbe incluso anche la spalla di Paolo, Luca Laurenti.

Di fatti, qualche minuto dopo, sempre la Barale ha iniziato a criticare i look dei due conduttori di Avanti un altro. E, rivolgendosi direttamente a Laurenti, ha esordito: “Luca, così eri a Buona Domenica e così sei rimasto. Devi aggiornarti con il look“.

Il siparietto è proseguito fino a quando Bonolis e Laurenti sono usciti di scena per rientrare vestiti da donna, con una gonna lunga. “Grazie per essere venuta. E non tornare!” – la saluta Bonolis, con fare acidulo. Ma anche Paola Barale non si lascia sfuggire la possibilità di rispondere a tono al collega: “Questa è la modernità, a Milano ci si veste così“.