L'hotel che riporta agli antichi fasti il palazzo rosso della città bianca di Ostuni

Di Elisa Zagaria
·2 minuto per la lettura

From ELLE Decor

Un miraggio rosso nella “città bianca”: così appare Paragon 700, boutique hotel e spa che ha riportato la vita nelle superbe stanze di un antico palazzo in rovina. Ci troviamo a Ostuni, gemma della costa pugliese, famosa per le sue case candide arrampicate ai bordi del mare. È qui che Pascale Lauber e Ulrike Bauschke hanno scovato questo palazzo anomalo, a partire dal colore, sfregiato dal tempo e dall’incuria, e subito se ne sono innamorate.

Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo
Photo credit: Courtesy Photo

Tre anni: tanto è durato il restauro che lo ha rimesso a nuovo, ritagliando dai vecchi saloni impolverati undici suite di pregio, tutte diverse le une dalle altre. La ristrutturazione è stata prima di tutto un’affascinante riscoperta. Dettagli preziosi come maioliche e affreschi (echi di una nobiltà napoletana affacciatasi sulla sponda dell'Adriatico nel 700) sono stati ritrovati e restituiti al loro originario splendore.

Attorno ad essi, si dipana un involucro sontuoso, fatto di camini marmorei, pavimenti in legno e soffitti voltati, in cui permane la traccia di fasti lontani. Tra i fregi riesumati anche un drago, divenuto poi simbolo del Paragon. Ma non aspettatevi un museo o un tempio alla nostalgia, perché l’opera di restyling ha fatto molto di più che imitare il passato. Il Palazzo Rosso rivisitato è un crocevia palpitante di suggestioni e culture, epoche e stili. Si va dall’artigianato locale all’antiquariato, passando per vibrazioni esotiche, come i grandi lampadari acquistati in Thailandia o i divani fatti arrivare direttamente dal Sudafrica.

La palette cromatica sposa sfumature neutre di impronta contemporanea che addolciscono l'austerità dell’architettura, allo stesso modo dei velluti e delle tappezzerie, che aggiungono un tocco morbido e avvolgente. A completare il quadro ci sono il giardino degli aranci e la piscina, custoditi nel cuore interno del palazzo, e il Ristorante 700, affidato alle cure di Giovanni Cerroni, artefice di una sperimentazione attenta alla territorialità. E per finire, tappa obbligata alla Spa, con una selezione di prodotti organic-luxury, che rendono l’esperienza in questo posto magico ancora più appagante.

www.paragon700.com