L'indipendenza del bambino: come svilupparla

·3 minuto per la lettura
indipendenza
indipendenza

Man mano che il bambino si rende conto di essere una persona a sé stante, inizierà a testare l’idea di indipendenza. Può essere difficile per voi lasciarlo andare – dopotutto, è ancora il vostro piccolo bambino! Tuttavia, queste prove ed errori permetteranno al vostro bambino di imparare a rimettersi in piedi da solo. Inoltre, l’indipendenza aiuta anche con l’ansia da separazione.

Ecco alcuni modi facili e sicuri per nutrire il crescente senso di sé del bambino.

Non preoccuparti delle piccole cose

Testare i limiti è la definizione stessa di indipendenza. Non chiudete gli occhi di fronte al pericolo, ma se il vostro bambino vuole indossare i suoi stivali da pioggia all’asilo o condividere la colazione con la sua scimmia di peluche, potreste voler lasciar perdere (e ringraziare i peluche lavabili).

Non intervenite

Può essere allettante fare tutto per il vostro piccolo. Anche se può essere difficile vederlo lottare – mentre tenta di mettersi le scarpe, per esempio – cercate di non intervenire. Sta imparando alcune abilità molto importanti, compresa la soddisfazione di completare un compito.

Mantenere la semplicità

Eseguire un lavoro semplice dà al vostro bambino un senso di realizzazione e aiuta a costruire la sua fiducia. Chiedetegli di aiutarvi a raccogliere i suoi libri e giocattoli, o di mettere tutti i suoi peluche nel suo cortile. Finite con un sacco di complimenti per un lavoro ben fatto.

A prova di bambino

Una casa sicura per il bambino sarà più divertente per entrambi. Lui avrà spazio per vagare e voi non dovrete dire “no!” tutto il tempo. Mettete al sicuro televisori e armadi alti che potrebbero ribaltarsi e porte che potrebbero pizzicare le piccole dita. Tenete i prodotti per la pulizia sotto chiave e assicuratevi che i piccoli oggetti che potrebbero essere pericolosi per il soffocamento siano ben lontani dalla portata.

indipendenza bambino
indipendenza bambino

Il gioco dell’addio

Aiutate il vostro bambino a capire che tornate sempre quando ve ne andate. Fatene un gioco: Ditegli: “La mamma va nell’altra stanza! Ciao ciao! A presto!”. Lasciate la stanza per qualche minuto e poi tornate con un grande sorriso e un grande “Ciao!”. Se è al sicuro in un cortile o in un’area chiusa, potreste provare ad allungare a 10 minuti, poi a 15. È un buon esercizio per l’asilo o la scuola materna!

Non sparite

Se state lasciando il bambino da un parente, un amico, una baby sitter o per il suo primo giorno di scuola materna, non sparite non appena ha attraversato la porta. Se ve ne andate di soppiatto, potete contare sul fatto che si arrabbierà perché non lo avete avvisato. Piuttosto, un addio diretto con un abbraccio e un bacio funzionano meglio. Potrebbero esserci delle lacrime, ma di solito scompaiono in pochi minuti.

Siate una fonte di amore

Il senso di sé del vostro bambino sta crescendo. Tuttavia, fatevi coraggio: siete ancora al centro del suo mondo. Dategli un sacco di lodi e abbracci ogni giorno quando prova cose nuove. State costruendo la sua fiducia e ricevendo un po’ di dolce affetto. È una vittoria per tutti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli