Lindsay Flach gareggia alle qualifiche per Tokyo incinta (e dimostra che le mamme possono fare tutto)

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Cliff Hawkins - Getty Images
Photo credit: Cliff Hawkins - Getty Images

Il 2021 per Linsday Flach, atleta del Team Usa, è un anno indimenticabile che segna una lunga pausa della sua carriera nell'eptathlon, ma non prima di passare alla storia come la prima atleta ad aver gareggiato alle qualificazioni per le Olimpiadi di Tokyo 2021, incinta di 18 settimane.

Un'ultima gara per dimostrare al mondo che le donne in dolce attesa possono fare qualsiasi cosa vogliano, anche competere in una delle discipline più complesse, l'eptathlon, specialità dell'atletica leggera che contempla 7 gare di discipline diverse in due giornate: 100 metri a ostacoli, lancio del peso, salto in alto, 200 metri piani, il primo giorno; salto in lungo, lancio del giavellotto, 800 metri piani, il secondo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Ho partecipato a questa gara per me stessa. (Cercando di sgattaiolare sotto i radar) Volendo chiudere la mia carriera in pista prima di andare avanti con la vita. [...] Sono fortunata di poter essere una luce positiva e un'ispirazione per così tanti" ha scritto Flach sul suo profilo Instagram dopo l'ultima gara di qualificazione per Tokyo che ha compiuto fino in fondo, ma con qualche accortezza per preservare la salute sua e del nascituro, dato anche il caldo da record del 27 giugno a Eugene, Oregon. Sotto consiglio dei medici, che le hanno dato il via libera per la gara, Flach ha corso i primi 100 metri al posto dei canonici 800 e ha fatto una sola prova di lancio del peso e salto in lungo, per evitare sforzi controproducenti.

Nonostante questo, con la sua determinazione è stata in grado di arrivare molto lontano e di ispirare donne e atlete di tutto il mondo. Sicuramente non la vedremo a Tokyo, ma per il futuro Linsday Flach ha già qualche idea, come spiega su Instagram: "Mi è stato chiesto se mi vedrete di nuovo competere in pista - la mia risposta originale era no, ma vedremo. Mi vedrete in pista a dare consigli alla prossima generazione che sta lottando per i suoi obiettivi! Forse anche saltando negli allenamenti con loro ❤️".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli