Lino Guanciale in TV celebra la storia della sartoria napoletana con il suo completo elegante

Di Federica Caiazzo
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Elisabetta A. Villa - Getty Images
Photo credit: Elisabetta A. Villa - Getty Images

From ELLE

Il completo elegante della moda uomo Primavera 2021? Lo indossa Lino Guanciale in TV, ed è esattamente l'ensemble maschile che ogni uomo dovrebbe possedere nel proprio guardaroba. Poco importa se l'attore italiano lo ha indossato (solo) sul set della fiction televisiva Il Commissario Ricciardi: diretta dal regista Alessandro D'Alati e ambientata nella Napoli della 1932, la trasposizione cinematografica dell'omonima serie di romanzi di Maurizio de Giovanni potrebbe esaltare uno stile maschile di un'epoca che sembra - ma non è - ormai lontana. Di più, c'è di più: il completo uomo Primavera 2021 di Lino Guanciale è anche e soprattutto una celebrazione della storia dell'antica sartoria napoletana. Conosciuta in tutto il mondo per la qualità, la cura del dettaglio e come massima espressione dell'artigianalità Made in Italy, la storia della sartoria napoletana (ri)vive proprio grazie a Il Commissario Ricciardi e ai look di Lino Guanciale in TV. La storia della moda insegna d'altronde che la sartoria napoletana nasce, seppure in forma ancora del tutto embrionale, nel lontanissimo 1351 quando fu fondata la Confraternita dei Sartori. Per poi raggiungere il massimo splendore proprio a partire dal Novecento.

Con il Commissario Ricciardi torniamo indietro nel tempo fino al 1932. Eppure, quanta contemporaneità. Camicia a righe, cravatta, panciotto, giacca: il completo elegante del look di Lino Guanciale in TV è perfettamente contestualizzabile nel guardaroba moda uomo Primavera 2021. Grande merito va ancora una volta alla tradizione partenopea e al lavoro egregio della costumista della fiction, Alessandra Torella. Il look di Lino Guanciale in tv è anche un ottimo pretesto per ricordare (e sorridere nel farlo) uno degli elementi peculiari della sartoria napoletana: le giacche dei completo uomo in questione sono particolarmente note a Napoli per la loro vestibilità. Comodissime, facilitano ogni singolo movimento grazie a quella che nel corso del tempo è rimasta alla storia come "spalla napoletana", ovvero una spalla priva di imbottitura affinché la comodità faccia da padrona. Da quest'ultima deriva appunto l'effetto della manica "a mappina" (si vedano le pieghe sulla manica della giacca di Lino Guanciale!): è qui che il sorriso è d'obbligo. Si racconta che la sartoria partenopea sia solita realizzare maniche "a mappina" proprio in virtù della peculiare abitudine che i napoletani hanno di gesticolare (tanto) durante le conversazioni. Un'abitudine che ha fatto di necessità virtù. Un aneddoto meraviglioso che rivive oggi grazie a Lino Guanciale in TV.