Lo ha spiegato detto molto chiaramente a Fanpage il coordinatore vaccinazioni della Sip Rocco Russo

·2 minuto per la lettura
Questanno influenza stagionale più diffusa fra i bambini
Questanno influenza stagionale più diffusa fra i bambini

Influenza stagionale, l’allarme dei pediatri è chiaro: “Quest’anno avremo più casi fra i bambini”. E a dirlo è in una intervista a Fanpage il coordinatore della vaccinazioni della Società Italiana di Pediatria, Rocco Russo. Ha esordito il medico: “Non solo Covid-19. Utilizziamo tutti gli strumenti di prevenzione, tra cui la vaccinazione, che ci vengono garantiti per poter contrastare la diffusione dei virus influenzali prima che arrivi il picco epidemico, che in genere è tra i mesi di novembre e dicembre“.

Influenza stagionale, l’allarme dei pediatri dopo il “primo caso” del 12 ottobre

Il virus dell’influenza stagionale è stato isolato il 12 ottobre dai laboratori dell’Amedeo di Savoia, a Torino. Il “paziente zero” è un bambino ricoverato all’ospedale infantile Regina Margherita a cui ha fatto seguito un caso bis a Varese, sempre in un paziente pediatrico, e confermato presso l’Università di Milano. Ha spiegato Russo: “Stiamo entrando nel periodo dell’influenza stagionale, è un periodo ben noto e riconosciuto come cruciale per mettere in campo tutti gli interventi di prevenzione contro la diffusione dei virus influenzali e para-influenzali”.

Inverno in arrivo ed influenza stagionale, l’allarme dei pediatri: “Circolerà per tutta la stagione”

Poi la previsione clinica: “Circolerà di tutto in inverno. È ovvio che l’influenza non è partita con questo bambino, che tuttavia ha manifestato sintomi che hanno portato all’identificazione del virus, ma quest’ultimo circola già da giorni. Siamo solo all’inizio, il periodo del picco epidemico è tra novembre e dicembre”. E sulla gravità di questa versione 2021/’22? “Al momento non la possiamo stabilire. Tuttavia i casi di virus influenzale quest’anno saranno nettamente superiori all’anno scorso”.

Da zero ad una circolazione “grave” fra i bambini: influenza stagionale, l’allarme dei pediatri

“Quindi se si parla di gravità dei dati numerici questa affermazione è vera, ma è facilmente deducibile dal fatto che lo scorso anno (grazie alle misure anti covid) abbiamo avuto zero casi di morbillo, di rosolia e pochissimi casi di influenza”. Poi la chiosa: “Quest’anno i bambini sono tornati a scuola e abbiamo avuto un allentamento delle misure di prevenzione Covid, per cui automaticamente avremmo una maggiore circolazione virale. Saranno già una quindicina di giorni che vedo bimbi stare poco bene, nel 2020 ne avevo zero”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli