Lo stile vedo-non vedo di questa casa milanese è il segreto di un abitare devoto alla lettura

Di Alessia Musillo
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa

From ELLE Decor

Una casa per lettori? Sì, a Milano. L'ha progettata nel 2019 lo Studio Atomaa. Fra living room e accesso alle altre stanze dell'appartamento, i libri hanno la meglio e respirano istintivamente con l'interior design raffinato, elegante e vivo (grazie all'effetto vedo-non vedo delle porte, se chiuse o aperte). Dalla cinematografia al design, dalla letteratura alla musica, il progetto architettonico è stato cucito su misura: fra esigenze e desideri della coppia che abita questa fetta di cuore meneghino.

Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa

Gli ambienti, così come li vediamo oggi, sono stati ristrutturati mantendendo il lavoro pregresso sulla spazialità ma rivoluzionando l'estetica e i colori. La stanza principale, devota alla lettura e al pensiero, si divide dalla cucina attraverso un segmento di passaggio: da un lato vive una mini-salle à manger, dal carattere britannico, riprendendo i colori e i motivi della carta da parati inglese, dall'altro una cucina dal sapore minimale, elegante e funzionale. Il soggiorno, al contrario, si presenta come un unico, ampio luogo - accogliente anche nelle passeggiate domestiche grazie al pavimento in graniglia di cemento che fa da suolo a ogni ambiente.

Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa

Poi si alterna un gioco flessibile di aperture e chiusure, di vedo-non vedo. Come una sequenza temporale immaginifica, i portali delle stanze si aprono verso la cucina e la sala da pranzo da un lato e un bow-window dall'altro. In prossimità, ci sono lo studio e la camera per gli ospiti - talvolta sala di lettura ossequente a una lunga e interessante libreria che nasconde pannelli di giallo intenso in grado di creare privacy e definire i confini della stanza, se chiusi.

Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa

Così come le case contemporanee insegnano, il bagno non si realizza in un ambiente secondario ma in uno spazio in cui passare del tempo, fra bellezza e igiene. Pensato per essere una salle de bains fra comfort ed estetica, l'interior minimale e la morbidezza dello spazio contrastano dolcemente i colori vivi: fra rosa pastello e verde profondo in dialogo con la finitura nera e opaca scelta per le rubinetterie, i profili del box doccia, dello specchio e del lavabo. La doccia è un elemento “passante”, che collega il bagno padronale, accessibile dalla camera da letto, al bagno secondario degli ospiti.

Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa

In camera da letto e nello studio si respira uno stile antico, a partire dai pavimenti originali che sono stati recuperati - traccia del passato - e rivitalizzati a seconda del bisogno. Il parquet in rovere è il passaggio su cui camminare lentamente prima di alzare lo sguardo agli archi e aprire il campo visivo: l'ambiente che si riempie di luce naturale grazie alle finestre è una risorsa preziosa per tutto lo spazio.

Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa

L'arco è un elemento-chiave del progetto - ricorrente in tutto l'appartamento. La morbidezza delle curve delinea gli ambienti come il living room, il bagno, i mobili e le porte. A proposito di porte, ecco qui il segreto della privacy e al tempo stesso della condivisione: un continuo vedo-non vedo fra zone, un piacevole alternarsi di quello che è e quello che potrebbe essere.

Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa
Photo credit: Alberto Strada per Atomaa

www.atomaa.eu