Long Covid, quali sono i pazienti più a rischio?

·2 minuto per la lettura
Long Covid asma diabete
Long Covid asma diabete

Tra i problemi dei pazienti che hanno contratto il coronavirus, presenti anche a distanza di tempo dalla guarigione, c’è il Long Covid. Sebbene negativi e guariti dalla malattia, tante persone risentono di alcuni strascichi difficili da risolvere. Due studi indipendneti hanno evidenziato alcuni fattori che segnalano quali sono le categorie più a rischio: alcune patologie pregresse, infatti, espongono alcune persone al rischio di soffrire di Long Covid. Di quali fattori si tratta?

Long Covid, i fattori di rischio: asma e diabete

Identificare in anticipo chi rischia di essere colpito dalla forma più grave della malattia è sempre stato fondamentale per poter intervenire in modo tempestivo con l’eventuale somministrazione di anticorpi monoclonali. Si rivela altrettanto importante capire con anticipo chi potrà soffrire di Long Covid, per aiutare i pazienti che sviluppano sintomi debilitanti che possono persistere per molti mesi. A soffrirne, infatti, è circa il 30% delle persone che ha contratto il Covid-19 e non tutti ricoverati. L’ultima ricerca dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna mostra che su 100 pazienti ricoverati, il 60% ha ancora sintomi a due mesi dalle dimissioni. La percentuale cala al 40% sei mesi dopo aver lasciato l’ospedale.

Due nuovi studi indipendenti, uno realizzato da ricercatori americani e l’altro da un team svizzero, individua alcuni dei fattori che esporrebbero i pazienti malati di Covid a soffrire successivamente di sintomi legati al Long Covid.

Long Covid, asma, diabete e bassi livelli di autoanticorpi tra i fattori a rischio

La ricerca condotta dagli studiosi americani e pubblicata su Cell segnala 4 diversi fattori di rischio: la presenza di autoanticorpi, il livello ematico di RNA virale all’inizio dell’infezione, la riattivazione del virus di Epstein-Barr (responsabile della mononucleosi) e il diabete di tipo 2.

Tra i fattori che espongono maggiormente un paziente ai rischi di Long Covid c’è anche l’asma. Lo evidenzia lo studio svizzero, che ha collegato al Long Covid bassi livelli di alcuni anticorpi e la presenza di asma.

Long Covid, asma, diabete e autoanticorpi tra i fattori a rischio: quali sono i sintomi?

Tra i sintomi di cui risentono le persone colpite dal Long Covid si evidenzia, in particolare, fatica a respirare, debolezza e tosse.

Tra i problemi anche nebbia cerebrale, dolore toracico, tachicardia, disturbi dell’equilibrio, nausea o febbriciattola.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli