Luisa Ranieri: "Il legame con mio marito si fonda sulla libertà. Ogni giorno scegliamo di esserci fedeli"

HuffPost

“Non rinuncerei mai alla libertà. Tutte le mie scelte nascono dall’esigenza di essere libera. Lo stesso legame con Luca, mio marito, un legame speciale, è fondato sul patto della libertà. Io e lui ci scegliamo ogni giorno, scegliamo di esserci fedeli ogni giorno”. Dal 2012, Luisa Ranieri è sposata con Luca Zingaretti e dalla loro unione sono nate due figlie, Bianca e Emma. In un’intervista a Vanity Fair, l’attrice si racconta come una donna libera, nei rapporti sentimentali e nella vita.

Una libertà alla quale ha sempre aspirato sin da piccola, senza inventarsi come altro da ciò che era per compiacere gli altri. E lei da piccola era molto timida.

“Non l’ho superata, ho imparato a conviverci. Perdermi nelle storie che racconto è una maniera di divertirmi e di essere leggera. La mia timidezza rappresentava anche la cifra di quanto stessi bene con me. Da un certo punto di vista mi sono sempre bastata. Non sono mai stata una da grandi comitive, da feste faraoniche, da casino in compagnia al solo scopo di tirare l’alba. La mia dimensione ideale è il silenzio”

Per questo era difficile che l’adolescente Luisa Ranieri aspettasse l’alba in discoteca. 

“I miei coetanei che si sballavano in discoteca, a partire dai miei amici, non li ho mai capiti. Io andavo, ballavo come una pazza per un’ora e poi m’addormivo. Mi veniva un gran sonno, sbadigliavo, desideravo solo tornare in camera mia. Non capivo perché bisognasse allungare il brodo. Gli altri magari tiravano a far mattina con un gin, una canna o una pasticca e io, lucidissima, tornavo a casa ore prima oppure mi assopivo e poi, nel cuore della notte, mi toccava anche riaccompagnarli. I miei amici mi consideravano una giovane vecchia. Ma io in realtà ero felice e sentivo che non dovevo dimostrare niente a nessuno” 

La sua carriera iniziò quasi per caso. Uno stilista la fermò per strada, insistendo per renderla protagonista delle sue foto su Vogue, catturato dalla sua bellezza semplice...

Continua a leggere su HuffPost