L'ultima prima notte a casa con il bambino

prima notte a casa con il bambino
prima notte a casa con il bambino

Come molte mamme e papà esperti sanno, la prima notte a casa con un nuovo bambino, soprattutto con il primo, può essere un po’ difficile. In questo articolo troverete l’esperienza diretta di una neo-mamma che preferisce rimanere anonima.

L’ultima prima notte a casa con il bambino

“In ospedale si è aiutati, ma una volta tornati a casa siete da soli, e solo voi siete responsabili di tenere in vita questa creatura indifesa e urlante. È terrificante. Penso davvero che dovrebbero dirvelo. Dovrebbero prepararvi a ciò che sta per accadere. Ho assorbito le prime coccole del neonato come una tossicodipendente che si fa una bella dose. Tenerla in braccio mi sembrava così estraneo e familiare allo stesso tempo. È stata una scarica di emozioni, sapendo che poteva essere l’ultima volta. L’ultima possibilità di tenere tra le braccia la mia bambina appena nata”.

prima notte a casa con il bambino esperienze
prima notte a casa con il bambino esperienze

“Da quel momento ho capito che non avrei dato un secondo per scontato. Ho giurato di assaporare ogni ultima “prima”. E finora ci sono riuscita, sono felice di poterlo dire. Quando le bambine hanno incontrato Camilla per la prima volta (la mattina dopo), mi ha tolto il fiato. Abbiamo commemorato l’occasione con una colazione speciale a base di cornetti al cioccolato. E presto fummo tutti a casa insieme, pronti a iniziare la nostra nuova vita come famiglia di cinque persone”.

“Non ho parole di saggezza sull’argomento. Vorrei averle. Ma se presto vi troverete da soli con un bambino nuovo di zecca che strilla, ricordate questo: fate un respiro profondo e assorbite tutto. Perché troppo presto il vostro piccolo si dirigerà verso l’asilo. Lasciate andare i vostri programmi e tutte le vostre aspettative. Permettetevi di innamorarvi follemente e profondamente di questo piccolo essere umano che vi tiene svegli tutta la notte. Anche questo passerà e quando succederà, vi mancherà da morire. Fidatevi di me. E se non doveste riuscire a innamorarvi subito, accettate e accogliete anche questa sensazione: è temporaneo”.