I Måneskin trionfano all’Eurovision Song Contest

·2 minuto per la lettura

Grande notte per i Måneskin all’Eurovision Song Contest.

La band si è aggiudicata il festival, riportando il premio in Italia dopo ben 31 anni.

A Rotterdam, il gruppo rock capitanato da Damiano David ha battuto nel rush finale la Francia e la Svizzera grazie all’energica performance di «Zitti e buoni», brano con cui hanno trionfato anche al Festival di Sanremo.

A garantire il successo ai Måneskin è stato il televoto, che ha ribaltato la classifica delle giuria di qualità, che vedeva in testa la Svizzera seguita dalla Francia e solo al quinto posto il gruppo italiano.

524 voti in totale per la band formatasi a «X Factor» nel 2017, 30 in più rispetto a Barbara Pravi con la sua teatrale interpretazione di «Voilà». Fermo a 432 punti invece il giovane elvetico Gjon's Tears con «Tout l’Univers».

È la terza volta che l’Italia si aggiudica il trofeo dopo Gigliola Cinquetti nel 1964 con «Non ho l’età» e Toto Cutugno nel 1991 con «Insieme: 1992».

Ora spetterà proprio all’Italia organizzare la prossima edizione dell’Eurovision Song Contest.

«Siamo venuti qui non pensando ad una competizione. In questo anno difficile volevamo solo portare la nostra musica e condividerla con tanta gente - hanno dichiarato in conferenza stampa -. Eurovision è un evento che ha consentito a molte persone di poter lavorare in un momento storico così complesso. Questo è stato un anno da dimenticare per tutti per il Coronavirus e per noi è stato un sollievo aver avuto l’opportunità di partecipare a questo evento che significa molto per l’Europa e anche per chi ha partecipato. In questi giorni si respirava una bellissima aria e i rapporti con gli altri concorrenti erano davvero ottimi. Da oggi vogliamo suonare davvero ovunque».

Sulla città che ospiterà l’evento, la capodelegazione Rai Simona Martorelli non si è sbilanciata.

«Dopo 31 anni l’Italia ha vinto e siamo ben felici di ospitare l’Eurovision. È stata una annata fortunata e ho lavorato con un team fantastico con un atteggiamento positivo. Tante città vorrebbero ospitare l’evento ma valuteremo», ha commentato.