Ma davvero i ristoranti sono così pericolosi per il Covid-19?

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: MLADEN ANTONOV - Getty Images
Photo credit: MLADEN ANTONOV - Getty Images

From Esquire

Non si può andare al cinema né a teatro. Scordatevi i concerti e non pensate nemmeno alle notti brave in discoteca. C’è però una cosa che ancora si può fare (ma solo di giorno): andare a mangiare a ristorante. Il fatto che i ristoranti siano rimasti parzialmente aperti fa ritenere che siano un ambiente abbastanza sicuro. Strano, considerando che – a differenza di tutte le altre attività sopra elencate – è l’unica che non si può fare indossando la mascherina.

In più, in questa stagione si mangia quasi ovunque al chiuso. Quindi: un ambiente abbastanza affollato, chiuso e dove tutti gli avventori non indossano la mascherina. Cosa mai potrà andare storto? Secondo il professor Devi Sridhar, responsabile del dipartimento di Salute Pubblica all’Università di Edimburgo, i fattori chiave che rendono alcuni luoghi più pericolosi degli altri in effetti sono: essere al chiuso, avere uno scarso ricambio d’aria, consentire una prolungata esposizione agli altri ed essere un posto in cui non è facile mantenere le giuste distanza.

“Dipende anche dalla ventilazione e dal flusso d’aria, ma in ogni caso stare in un ristorante affollato non è certo una buona idea”, ha spiegato Sridhar al Guardian. “Tutto ciò che si può fare all’aria aperta mi preoccupa di meno, soprattutto nelle giornate ariose”. Le preoccupazioni del professore sono confermate da un recente studio del Center for Disease Control and Prevention (CDC) statunitense, che ha segnalato come mangiare fuori sia un’attività più ad alto rischio di andare dal parrucchiere o usare i mezzi di trasporto.

Photo credit: TIZIANA FABI - Getty Images
Photo credit: TIZIANA FABI - Getty Images

La ragione? Semplice, nello studio del CDC si sottolinea come tutte le attività in cui non si può indossare la mascherina siano più rischiose. E andare a ristorante è quella di gran lunga più comune tra queste. Uno studio da loro condotto ha preso in esame 314 soggetti che avevano fatto il tampone per il Covid-19. Circa la metà è risultato positivo.

Nel complesso, le persone che sono risultate positive avevano il doppio di probabilità di essere state a ristorante nei 14 giorni precedenti delle persone invece risultate negative. Quando sono state escluse le persone che sapevano di essere entrate in contatto con qualcuno di positivo, la probabilità di contrarre il Covid-19 tra chi era andato a ristorante è diventata tre volte superiore a chi invece ha evitato di mangiare fuori.

E così, ancora una volta, i ricercatori che hanno eseguito lo studio si sono trovati a sottolineare l’aspetto fondamentale: “Le attività dove è difficile sia mantenere il distanziamento sociale sia usare la mascherina possono comportare rischi più elevati di contrarre il virus”. Le raccomandazioni se comunque volete andare a ristorante sono di: indossare la mascherina ogni volta che non si sta mangiando, assicurarsi di mantenere una distanza di almeno due metri con tutte le persone non conviventi, sedersi a un tavolo all’aperto ogni volta che è possibile e assicurarsi che tutto lo staff stia indossando la mascherina correttamente.