Malattie psichiatriche e Coronavirus: i pericoli

·2 minuto per la lettura
schizofrenia covid
schizofrenia covid

Il disturbo mentale della schizofrenia potrebbe rappresentare un rischio maggiore di decesso nel caso in cui il paziente sia contagiato dal Covid-19. Leggiamo le conferme dello studio.

Schizofrenia e Covid: alto rischio

Il team di ricercatori del Langone Medical Center di New York ha svolto un’analisi su ben più di 7 mila pazienti affetti da Coronavirus, dimostrando che chi soffrisse di schizofrenia aveva manifestato un rischio di decesso maggiore – più del doppio – rispetto agli altri pazienti.

Lo studio sulla correlazione è stato condotto non solo dal team del Langone Medical Center, ma anche dall’Istituto per la Ricerca Psichiatrica di Orangeburg e dal Dipartimento di Psichiatria dell’Università Columbia. Il tutto è stato coordinato dal docente di psichiatria Donald Goff che, con i suoi ricercatori, ha analizzato 7.500 cartelle cliniche di pazienti ricoverati per Sars-CoV-2. Quello che è emerso, ha dimostrato l’alto rischio che corrono i soggetti affetti da schizofrenia quando contraggono il Covid-19.

Le cause della mortalità

Se inizialmente gli studiosi avevano collegato l’alto tasso di mortalità con altre problematiche che spesso si manifestano in questi pazienti psichiatrici – diabete, malattie cardiache, nonché vizio del fumo – presto hanno dovuto ricredersi. La ricerca ha infatti dimostrato che i pazienti affetti da schizofrenia vanno incontro ad una peggiore risposta immunitaria rispetto agli altri. Questo porterebbe ad una produzione eccessiva di citochine – generando la cosiddetta tempesta citochinica – la quale porta a infiammazione grave, provoca l’insufficienza degli altri organi, fino ad arrivare alla sindrome da distress respiratorio acuto.

Queste condizioni, insieme alla frequente obesità del paziente, al’uso di farmaci – circostanze che però non sono state prese in esame per la ricerca – possono risultare fatali.

Valutazioni conclusive

Il fattore della schizofrenia come rischio durante l’infezione da Covid è superiore rispetto al fattore del sesso maschile, dell’etnia e della presenza di malattie cardiache. Ciononostante, la ricerca deve avanzare con ulteriori indagini: per ora è servita a ricordare la vulnerabilità di questi pazienti e a quanto bisogni affidarli a cure specifiche e attente.