Malattie rare, ematologa: 'Con nuove terapie emofilia passi da gigante ma serve compliance'

·1 minuto per la lettura

"Nella terapia per l'emofilia si sono fatti passi da gigante grazie al potenziamento di farmaci come quelli a emivita prolungata, tuttavia contano anche la compliance e un piano terapeutico adeguato allo stile di vita del paziente, per avere il massimo beneficio". Così Gianna Franca Rivolta, ematologa presso la Ssd Centro hub emofilia e Mec dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Parma, ha sottolineato l'importanza delle nuove terapie durante l'incontro online 'Il ruolo della medicina riabilitativa in emofilia: prevenzione e cura', promosso da Aves Odv - Associazione volontariato emofilici e similemofilici di Parma.

"L'altro aspetto importante è il monitoraggio delle articolazioni - ha ricordato l'esperta - che va fatto nelle visite di controllo periodiche. A Parma abbiamo costruito un gruppo multidisciplinare di specialisti per consentire una presa in carico completa del paziente: dalla prevenzione del danno articolare con la profilassi fino alla chirurgia e alla medicina riabilitativa".

Durante l'incontro online, avvenuto nell'ambito del tour di 'Articoliamo', campagna sostenuta da Sobi con il patrocinio di FedEmo e nata per promuovere il benessere delle articolazioni nelle persone con emofilia, sono stati trattati i diversi aspetti della patologia: dall'importanza dell'approccio multidisciplinare al ruolo dell'attività fisica e della fisioterapia, fino alla cura e prevenzione dei danni articolari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli