Malattie rare, ok Aifa a nuovi farmaci per fibrosi cistica

·2 minuto per la lettura

L'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato l’immissione in commercio di nuovi farmaci altamente efficaci per il trattamento della Fibrosi cistica (Fc), malattia genetica ereditaria che colpisce all’incirca 1 bambino ogni 2.500 nati. La principale novità - riferisce una nota - è rappresentata dall’associazione di due farmaci: Kaftrio*, una combinazione di tre principi attivi (ivacaftor/tezacaftor/elexacaftor), e Kalydeco* (ivacaftor). Attualmente i pazienti registrati e seguiti nel nostro Paese sono oltre 5mila. I farmaci saranno disponibili, a totale carico del Ssn, per tutti i pazienti che rientrano nelle indicazioni approvate dall’Agenzia europea del farmaco (Ema), dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, prevista entro il 3 luglio 2021.

L'approvazione da parte del Cda Aifa, arriva "a conclusione di un’approfondita istruttoria condotta dalla Commissione tecnico-scientifica e dal Comitato prezzi e rimborso", ricorda l'agenzia regolatoria. “Si tratta di un significativo passo avanti nel trattamento della fibrosi cistica che aveva finora a disposizione trattamenti solo parzialmente efficaci. Grazie all’accordo raggiunto, il Ssn metterà a disposizione in modo gratuito questo farmaco per tutti i pazienti per i quali ci sono evidenze di beneficio”, ha osservato il Direttore Generale, Nicola Magrini.

Questa approvazione rappresenta un importante miglioramento nella prognosi della malattia, molto attesa da parte dei pazienti affetti dalla patologia, in virtù del valore innovativo dei farmaci autorizzati.

L’iter di approvazione dei nuovi farmaci oggetto di autorizzazione - prosegue la nota Aifa - ha indotto gli organi dell’Agenzia a una riflessione rispetto alla capacità di governare l’innovazione e migliorare l’efficienza allocativa delle risorse come previsto nel documento 'Governance farmaceutica' del Patto della Salute 2019-2021. In proposito, anche in considerazione dei compiti e funzioni di alta consulenza tecnica al Governo e alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome in materia di politiche per il farmaco, l’Aifa invierà agli stakeholder istituzionali un rapporto di approfondimento.

“L’auspicio è che l’impegno di spesa per i farmaci innovativi sia considerato per il Paese non un mero costo, ma un fattore di investimento in salute e in ricerca e sviluppo”, ha concluso il presidente del CdA Aifa, Giorgio Palù.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli