Allerta rossa a Venezia: Piazza San Marco chiusa

(Photo by Stefano Mazzola/Awakening/Getty Images)

Continua l’emergenza a Venezia, con Il 70% del centro storico della città che risulta allagato. La marea ha raggiunto alle 11.26 una punta massima di 154 alla Punta della Salute, come ha rilevato l'Ufficio Meteo del Comune di Venezia. Alto il valore anche a Burano dove la marea ha raggiunto i 149 centimetri e a Chioggia con 146.

Allagata Piazza San Marco, serrande abbassate dei negozi e scuole chiuse. Le sirene d'allarme sono risuonate alle 6.50, e poi alle 8.30. A causa della marea anche i vaporetti sono costretti a variazioni di percorso.

LEGGI ANCHE: Venezia va sott'acqua, ma il Mose dov'è?

Maree record

Sono maree da record storico quelle che stanno mettendo in ginocchio Venezia in questi giorni. Secondo i dati riportati sul sito del Comune di Venezia e aggiornati costantemente dal Centro Maree, infatti, dal 1872, anno di inizio delle rilevazioni, non si erano mai verificate due maree superiori ai 150 centimetri nello stesso anno. Questa volta invece si sono verificate nella stessa settimana: martedì il picco a 187 centimetri e oggi a 154.

GUARDA IL VIDEO - Venezia in ginocchio, allerta rossa


Il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini, accompagnato dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, ha fatto un sopralluogo alla Basilica di San Marco. Anche Matteo Salvini in visita in Piazza San Marco con il governatore Zaia.

GUARDA IL VIDEO - Venezia, Salvini: "Un miliardo per questa gente"


SFOGLIA LA GALLERY:
Venezia di nuovo sott'acqua: le foto del disastro

L'Amministrazione comunale di Venezia ha messo in guardia da messaggi diventati virali sui social network su presunte previsioni allarmistiche di picchi di marea per le prossime ore. "Si tratta di contenuti completamente privi di fondamento - avverte una nota del Comune - e si invita la cittadinanza a informarsi solo attraverso canali ufficiali". "L'Amministrazione monitorerà l'esistenza di eventuali messaggi fake - conclude la nota - valutando anche la possibilità di procedere con denunce all'Autorità giudiziaria per procurato allarme".

SFOGLIA LA GALLERY: Le immagini della devastazione a Venezia

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, tramite i social ha fatto sapere di aver deciso di chiudere Piazza San Marco e Palazzo Ducale a causa dei gravi danni causati dall’alta marea. Il sindaco poi ha invitato cittadini e turisti "a evitare gli spostamenti". "Un'altra giornata di allerta per Venezia - ha scritto su Twitter -. Il vento di scirocco continua a soffiare. Vi invito a evitare gli spostamenti e a tenervi aggiornati sul livello dell'acqua con il Centro Maree. Serve la collaborazione di tutti. Grazie".

LEGGI ANCHE - Non solo Venezia: il maltempo devasta molte regioni italiane

Allerta in tutto il Veneto

La Protezione civile ha emesso per sabato 16 novembre un'allerta rossa sul Veneto centro-nord e allerta arancione sulla provincia di Bolzano, su alcuni settori del Veneto, sul Friuli Venezia Giulia occidentale, sul Lazio centro-meridionale, sul versante occidentale dell'Abruzzo, su Umbria, su parte del Molise. Allerta gialla sulla Provincia di Trento, sui restante Veneto, sul Friuli orientale, su Emilia Romagna, Toscana, Marche, sui resto del Lazio, Abruzzo e Molise, su Campania nord-occidentale, sulla Calabria sud-orientale e sulla Sicilia nord-orientale.

GUARDA ANCHE - Venezia paralizzata dall’acqua