Mamme senza filtri: un nuovo sondaggio sulla genitorialità

·1 minuto per la lettura

Diventare mamma è un passo che cambia la vita.

La gravidanza, il parto e la sistemazione a casa sono un momento impegnativo, diverso per ognuno di noi.

Ecco perché la stragrande maggioranza delle donne pensa sia giunto il momento di condividere la realtà non filtrata sulla genitorialità.

A raccontare le cose come stanno è un nuovo sondaggio condotto dal marchio di abbigliamento Tu, da cui si evince che molte neo-mamme sono soddisfatte di vedere trasparire online un'immagine onesta della gravidanza e della maternità.

Quasi la metà delle donne britanniche intervistate prova sollievo nel condividere online con altre mamme i disagi della maternità.

Quasi il 90 percento infatti ha postato dettagli della propria vita sul web per aiutare a rassicurare le neo-mamme e le future mamme.

Un quinto delle partecipanti ha inoltre utilizzato i social media per osservare le silhouette post-partum.

Quasi un quarto ha utilizzato il web per chiedere aiuto ad altre donne, e quasi un quinto ha fatto ricorso ai social per affrontare l'allattamento al seno.

«Non è una sorpresa che le donne vogliano vedere versioni oneste e reali della gravidanza e della maternità senza filtri», afferma Ashley James, che ha appena pubblicato il libro “9 Months In, 9 Months Out”, in associazione con il brand Tu.

«Ho trovato piacevole vedere e ascoltare esperienze di prima mano, che parlavano degli altri. Di conseguenza, voglio condividere consigli e suggerimenti tratti dalla mia esperienza. Succedono molte cose in nove mesi, dentro e fuori! Ricevo tanti commenti positivi e quesiti ogni volta che lo faccio: dalle domande sull'alimentazione, alla body confidence».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli