I Maneskin superano i Beatles: ascolti impressionanti per la band

·2 minuto per la lettura
maneskin beatles
maneskin beatles

Nuovo traguardo per i Maneskin: la band ha superato i Beatles. Ovviamente, si sta parlando degli ascolti su Spotify, piattaforma di streaming più usata al mondo. Il gruppo di Damiano, dopo il trionfo all’Eurovision Song Contest 2020, può gioire ancora una volta.

I Maneskin superano i Beatles

Dopo il trionfo al 71° Festival di Sanremo e il successivo all’Eurovision Song Contest 2020, i Maneskin festeggiano un altro grande traguardo. Su Spotify, piattaforma di streaming più usata al mondo, hanno superato i Beatles. La band di Damiano si impone in ogni angolo del globo.

I Maneskin superano i Beatles: i numeri

Mentre i Beatles vantano 24.421.453 ascoltatori mensili, i Maneskin hanno toccato quota 28.018.192. Questo significa che la band di Zitti e buoni ha il più alto numero di ascoltatori al mondo e ha superato uno dei più grandi gruppi della storia musicale internazionale. E’ bene sottolineare che i numeri che si registrano su Spotify non indicano la popolarità di un’artista, ma si tratta comunque di un indice di gradimento da non sottovalutare. Inoltre, stiamo parlando di una piattaforma streaming usata in tutto il mondo, pertanto ha un certo valore.

I Maneskin superano i Beatles: la crescita

Stando a quanto sostiene Rolling Stone, un mese fa i Maneskin avevano, sempre su Spotify, lo stesso numero di ascoltatori di band come Muse e Pearl Jam. In sole quattro settimane, però, il gruppo di Damiano ha triplicato gli ascolti. Grazie a brani come I Wanna Be Your Slave e Zitti e buoni, che hanno superato i 100 milioni di ascolti l’una, i Maneskin hanno assistito ad una crescita davvero impressionante. Per quanto riguarda gli album, Teatro d’ira Vol. 1 è attualmente al quinto posto della Top 50 Albums Global.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli