Maradona, Raffaella Carrà: "Per vedermi in concerto finì in prigione"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Su Maradona "la storia è lunga. L'ho conosciuto in Italia quando lo invitavo ai miei programmi, ma la prima volta è venuto lui da me ed è pure finito in prigione. Io cantavo in una grande arena a Buenos Aires. Era il 1979. Lui avrà avuto 18 anni. L'arena era piena, non c'era più posto, ma lui tentò comunque di entrare per ascoltarmi. Disse ai poliziotti: 'Non sapete chi sono io!'. Lessi questa storia il giorno dopo sul Clarin. Per colpa mia Diego aveva passato una notte in guardina”. Lo dice, intervistata da Il Messaggero, Raffaella Carrà, ricordando la leggenda del calcio recentemente scomparsa.

GUARDA ANCHE: Maradona, il corteo dei tifosi a Napoli

“Dopo questo episodio - ricorda - l'ho praticamente inseguito. Una volta ero a Madrid per un'asta e avrei voluto proporre anche una sua maglietta. In quel periodo giocava nel Siviglia. Era il 1992. Ma Diego non volle mandarmela. Quando ormai stavo per partire però me lo ritrovai nella hall dell'hotel. Non potevo crederci: davanti ai miei occhi c'era Maradona con la moglie Claudia e le figlie Dalma e Giannina. Arrivò e mi disse: Non ti ho voluto mandare la maglietta, te l'ho portata io. Facemmo pace, cenammo insieme e lo invitai al programma Hola, Raffaella. Lui venne con piacere e portò la famiglia".

"Sono commossa - aggiunge Raffaella Carrà - dalla reazione di Napoli. È straordinario vedere l'amore della città verso di lui. Per i napoletani Diego non è morto, resta nel loro Dna, sarà per sempre vivo, per i figli dei figli. Lui ha amato Napoli tantissimo e si è fatto amare. Mi raccontava che quando abitava in città con Claudia e le bambine, anche se viveva a un piano alto, c'era sempre qualcuno che cercava di arrampicarsi per salutarlo. Aveva sempre fan intorno, ma lui non si arrabbiava. Era sorpreso di questo amore pazzesco. Ammiro Napoli per l'amore che sa dare: un amore che non svanirà mai".