Matthew Morrison licenziato per comportamenti inappropriati


Matthew Morrison è stato licenziato come giudice di "So You Think You Can Dance" per aver inviato alcuni messaggi inappropriati a una concorrente del programma.
Una fonte a "PEOPLE" ha detto che l'attore, noto grazie alla serie tv ‘Glee’, avrebbe tenuto un comportamento non consono alle regole e alla filosofia dello show.
"No, non hanno avuto una relazione fisica, lui l’ha contattata tramite messaggi privati sui social network in più occasioni. Lei si sentiva molto a disagio, così è andata dai produttori, che poi hanno coinvolto la Fox. Dopo aver condotto le giuste indagini, la produzione ha deciso di interrompere i rapporti con l’attore. Ovviamente sono messaggi di quel tipo, cioè lui aveva superato il limite", ha raccontato il beninformato.
L'insider ha precisato che il 43enne e la sconosciuta "non si sono mai incontrati fuori dal set".
"Sono solo messaggi molto spinti e che hanno superato il limite", ha dichiarato.
I rappresentanti sia di Matthew che della Fox non hanno voluto commentare la vicenda, tuttavia la scorsa settimana la star di Broadway ha confermato il suo addio alla trasmissione.
Queste le parole di Morrison: "Avere l’opportunità di essere un giudice di ‘So You Think You Can Dance’ è stato un onore incredibile per me. Pertanto con il mio più profondo rammarico vi informo che lascerò lo show. Quest’anno non mi vedrete durante il programma e questo mi dispiace. Dopo aver registrato le prove per lo spettacolo e aver completato la selezione dei 12 finalisti, non ho seguito i protocolli della produzione per questa competizione. Questo avrebbe potuto impedirmi di poter giudicare la competizione in modo equo. Non posso che scusarmi con tutte le persone coinvolte e guarderò insieme a tutti voi quella che so sarà una delle migliori stagioni di sempre".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli