Max Pezzali: ‘Sono uno sfigato’


Max Pezzali durante un’intervista rilasciata a “Il Fatto Quotidiano” subito dopo i due concerti evento a San Siro ha detto di sentirsi “uno sfigato”.
Il cantante, che vanta più di 30 anni di carriera nel panorama musicale italiano, ha dichiarato: “Viviamo in un tempo dove, per tutta una serie di motivi, anche estetici, vengono proposti solo dei modelli super vincenti, un mondo perfetto da esibire sui social; un mondo talmente perfetto da costringere l’imitatore al bluff per non sentirsi escluso”.
“Io rientro nella categoria degli ‘sfigati’ e qui sto benissimo; non sono bello, non sono particolarmente attrattivo e attraente, non sono mai stato cool, mai ricoperto il ruolo del capotavola accentratore di chiacchiere e sguardi. Piuttosto vado inquadrato con il principio di prudenza; nato e cresciuto sotto la stella dell’io speriamo che me la cavo”, ha aggiunto.
Il successo inoltre non lo ha mai cambiato. “Già da ragazzino non ero né bello né interessante e questa situazione non si è risolta dopo il successo; il successo ti dà il vantaggio di suscitare curiosità, ma la stessa si esaurisce in breve, poi tocca a te. La soluzione? È semplice: parlare fino allo sfinimento; sono in grado di toccare le tre ore senza respirare”, ha affermato.
Quando gli è stato chiesto chi è davvero Max Pezzali, l’artista 54enne con un pizzico d’ironia ha risposto: “Sono uno che, in parte, ha dimostrato che il talento è un concetto sopravvalutato”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli