Melissa Satta e i palleggi a sostegno di Aurora Leone “Da quando le donne non giocano a calcio?”

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Jacopo Raule - Getty Images
Photo credit: Jacopo Raule - Getty Images

Se qualcuno avesse ancora dubbi: sì, anche le donne giocano a calcio. E pure bene bisognerebbe aggiungere. Visti i fatti dei giorni scorsi e il grave episodio di sessismo denunciato di Aurora Leone dei The Jackal in occasione della Partita del Cuore, forse c'era bisogno di puntualizzarlo. "Da quando le donne non possono giocare a calcio?" così Melissa Satta esprime la sua solidarietà a Leone postando sulle sue stories Instagram un video dove palleggia con addosso la maglia della nazionale. "Il calcio è di tutti" scrive poi la modella e conduttrice in un'altra story sul suo profilo e a noi piacerebbe tanto che fosse davvero così, ma per ora tocca sottolinearlo a chi ancora non l'ha capito.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Forse c'era da aspettarselo in un Paese dove le stesse campionesse della Nazionale sono state insultate e sminuite in occasione dei Mondiali di calcio femminile, ma la vicenda di Aurora Leone resta molto grave. Lo è soprattutto perché il contesto era quello di un evento di beneficenza e perché la Nazionale Cantanti dovrebbe essere impegnata a promuovere solidarietà e inclusione. E invece alla vigilia della partita è stato negato a Leone di sedersi a tavola con la squadra. Il motivo? "Sei una donna, non puoi stare seduta qui, queste sono le nostre regole", così si è sentita rispondere l'attrice dal direttore Gianluca Pecchini che ora sembra si sia dimesso. Non solo, quando Leone ha fatto notare di essere stata regolarmente convocata e di aver anche fornito la sua taglia per la divisa la risposta ricevuta è stata “I completini te li metti in tribuna, da quando in qua le donne giocano?".

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Insomma, il calcio in Italia è ancora una cosa "da maschi", più o meno come alle elementari e infatti dire "Non puoi sederti con noi perché sei una femmina" suona tanto da bambini di sette anni. Com'è giusto che sia, la denuncia di Leone ha fatto indignare l'intero web, alcuni cantanti hanno scelto di non partecipare alla partita per protesta e tantissime personalità del mondo dello spettacolo hanno espresso solidarietà. Melissa Satta aveva partecipato alla Partita del Cuore dedicata a LIVE Onlus nel 2019 e anche per questo ha scelto di ricordare a tutti quali dovrebbero essere i valori alla base del progetto. "Ieri siamo scese in campo per una giornata all’insegna dello sport e del divertimento", aveva scritto la modella due anni fa, "ma soprattutto per supportare una causa molto importante: raccogliere fondi per l’associazione Onlus Live". Anche Valeria Solarino ha pubblicato un reel su Instagram mentre palleggia con tanto di caption "le donne non giocano a calcio" e si percepisce la voglia di dire "basta" una volta per tutte agli stereotipi maschilisti nel mondo del calcio e riprendersi uno sport che non ha e non deve avere genere.