I meravigliosi costumi Chanel indossati dai ballerini dell'Opéra di Parigi

Di Redazione
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

From Harper's BAZAAR

Nonostante le restrizioni, il sesto Gala d'apertura dell'Opéra di Parigi si è svolto in una serata unica, unendo modernità e classicità sotto il segno del balletto. A brillare per la serata, i primi ballerini, il corpo di ballo e gli allievi della scuola di danza Orchestra dell'Opéra national de Paris. A offrire l'occasione per questo rendez-vous i due grandi patron dell'Opéra, Rolex e Chanel. La Maison di moda francese, infatti, ha da sempre un forte legame con il mondo della danza.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

Tutto è cominciato da lei, Mademoiselle Gabrielle Coco Chanel. La visionaria stilista s'innamorò della danza dopo aver partecipato a un paio di lezioni di danza in compagnia dell'etoile Isadora Duncan. Da quel momento, la visione della designer si era rivolta al mondo del balletto in numerose occasioni. Il primo momento catartico fu per lei l'assistere a un'opera di Igor Stravinsky coreografata da Nijinski, il primo ballerino dei balletti russi di Sergej Diaghilev. In seguito a quell'attimo di pura estasi, Coco Chanel collaborò con i balletti russi, per i quali disegnò alcuni dei suoi più famosi costumi di teatro: l'opera era Le Train Bleu e i ballerini vestiti Chanel indossavano creazioni che permettevano il movimento libero sul palcoscenico.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

Da quel momento l'amore per la danza ha condotto la Maison Chanel a sempre più frequenti collaborazioni con il mondo del balletto: da Karl Lagerfeld che nel 2009 ha disegnato per Chanel i costumi di scena di Elena Glurjidze ne La Morte del Cigno, e nel 2018 ha creato quelli per il pas de deux del Bolero, estratto da Deca Dance e diretto da Ohad Naharin, fino ai giorni odierni.

La stagione 2019/2020 dell'Opéra de Paris ha visto andare in scena i costumi creati appositamente da Virginie Viard, oggi direttrice artistica Chanel, creati per un balletto coreografato da Serge Lifar. Oggi, in occasione del sesto gala dell'Opéra, Viard torna al lavoro insieme alla Maison Lesage, una delle grandi maison d'art con cui collabora Chanel - la stessa che si occupa di molte delle creazioni per la Haute Couture. I costumi, impreziositi da strass e perline, come il tutu blu notte in velluto e tulle, che richiama ed evoca il cielo stellato - così come anche i costumi maschili - sono stati creati appunto a mano dai sarti dell'atelier Lesage. Creazioni uniche e leggerissime, che diventano un tutt'uno con il corpo degli etoile, seguendo i movimenti aggraziati in ogni momento, mostrando un altro, nobile lato dell'alta moda.

Il Gala dell'Opéra de Paris è visibile online a questo link.