Merenda sana: 5 ricette ideali per perdere peso

merenda sana

Quando si vuole perdere peso si pensa sempre che i primi pasti che andranno eliminati saranno quelli che normalmente non vengono considerati principali, come la merenda e lo spuntino di metà mattina. In realtà queste piccole “pause” culinarie sono delle ottime occasioni per fare uno spuntino leggero con cui placare la fame e evitare di abbuffarsi a pranzo e cena. In questo articolo vi presentiamo 5 ricette facili per una merenda sana.

Merenda sana: idee sfiziose

Mele al forno aromatizzate alla cannella

Ingredienti:

  • 2 Mele
  • 2 cucchiaini di Cannella
  • 1 cucchiaino Sciroppo d’agave crudo

Lavate le mele e rimuovete la parte superiore del frutto creando una specie di “coperchio” con il picciolo ancora attaccato, dopodichè eliminate il torsolo e riempite l’interno della mela con lo sciroppo d’agave e mezzo cucchiaio di cannella per ciascuna mela. Richiudete quindi la mela utilizzando il coperchio e distribuite un altro mezzo cucchiaio di cannella sulla sua superficie.
Per la cottura posizionate le mele all’interno di una pirofila e infornate a 200° per circa 30 minuti.

Smoothie di Melograno

Ingredienti:

  • Succo di melograno: 60 ml (1 melograno)
  • Yogurt di soia: 90gr
  • 1 cucchiaio di miele

Dopo aver prelevato i cicchi di melograno dal frutto frullateli e passate al colino l’amalgama così ottenuta, dopodichè versate il succo all’interno del blender e unitelo allo yogurt e al miele. Frullate a velocità medio-alta il mix di ingredienti e versate il risultato direttamente in una bottiglia (da conservare in frigorifero per un paio di giorni) oppure in un bicchiere per berlo subito.

Barrette ai cereali e fichi

Ingredienti:

  • Cereali in fiocchi (avena, farro, orzo) 25 gr
  • 2 Fichi secchi
  • 10 Nocciole sgusciate
  • 1 cucchiaio di Malto d’orzo
  • 1 cucchiaio di Olio di lino

Usate il mixer per frullare cereali e nocciole, dopodichè aggiungete i fichi, il malto e l’olio di lino e frullate nuovamente fino a che il composto ottenuto non avrà un aspetto uniforme e ben impastato. Create tante piccole barrette stendendo l’amalgama ottenuta su una teglia ricoperta di carta forno e infornate a 170° per circa 15 minuti.

Una volta che la superficie di cereali delle barrette si sarò dorata, estraete la teglia dal forno e lasciate raffreddare almeno per una mezz’oretta. Questa merenda in particolare è molto utile per chi lavora fuori casa e ha bisogno di una merenda sana e veloce che occupi poco spazio in borsa.

Yogurt alle pere

Ingredienti:

  • Polpa di pere 75 gr
  • Yogurt di soia 75 gr
  • 1 cucchiaio di Succo di limone

1 cucchiaio di Sciroppo d’acero
Lavate le pere che utilizzerete come condimento dello yogurt, sbucciatele e tagliate l’interno in modo da ricavarne tanti dadini, dopodichè versate questi ultimi nel blender insieme allo yogurt di soia e aggiungete il limone e lo sciroppo d’acero. Frullate il composto ottenuto per circa 5 minuti fino a che non otterrete uno yogurt dalla consistenza cremosa e guarnitelo, se lo desiderate, con una manciata di frutta secca sminuzzata o di granella di nocciole non zuccherata.

Chips di zucca al forno

Ingredienti:

  • Un quarto di zucca
  • 1 pizzico di Paprika
  • 1 pizzico di Peperoncino
  • 1 pizzico di Rosmarino
  • 1 cucchiaino di Olio extravergine di oliva

Prendete una zucca matura e separatela in fette fino ad ottenerne circa un quarto. Pulite il quarto di zucca così ottenuto e tagliatelo in fettine sottilissime che andrete poi a distribuire (senza sovrapporle) su un teglia piana ricoperta di carta da forno. A questo punto munitevi di un pennello da cucina e spennellate ogni fettina di zucca con l’olio extravergine d’oliva (questo per assicurare una cottura omogenea e senza bruciature) per poi proseguire cospargendo ogni fetta con paprika, sale e un pizzico di rosmarino.

Infornate le vostre chips a 180° per circa 10 minuti e lasciate riposare appena dopo la cottura per almeno un’oretta. Questo snack può essere conservato in un sacchetto di plastica ben chiuso per almeno 3 o 4 giorni, a patto che l’ambiente di conservazione sia asciutto e ben protetto dalla luce.