Metabolismo bloccato: cosa fare per riattivarlo

-

A differenza di quanto si è portati a credere, il metabolismo non rimane invariato per tutta la vita. È soggetto a mutazioni e cambiamenti di origine naturale o per colpa nostra. La prima causa di mutamento del metabolismo bloccato è l’invecchiamento, seguita da un’attività fisica scarsa e scorretta ed una dieta ipercalorica. Dopo mesi o anni di vita sedentaria e dieta disordinata notiamo gli effetti sul nostro fisico, quando ce ne rendiamo conto, ci poniamo immediatamente una domanda: è una condizione reversibile? Assolutamente si, a qualsiasi età! È sufficiente capire dove sta l’inghippo e modificare alcune piccole abitudini sbagliate.

Metabolismo bloccato

Fino ai 25 anni circa, la maggioranza delle persone ha il più alto tasso metabolico basale ma, una volta fatto “il giro di boa”, il metabolismo rallenta – specialmente dopo i 30 anni – a causa anche di una vita più sedentaria e ritmi decisamente differenti rispetto all’adolescenza. In questa fase il corpo comincia a mutare: i muscoli non sono più così tonici e sopraggiungono i primi chiletti di troppo fatta eccezione per pochi, rarissimi casi.

Quando si entra della decade degli “anta” ( 40 anni) entrano in gioco anche gli ormoni, specialmente nelle donne e la situazione peggiora lentamente. In questo scenario tragi-drammatico, possiamo comunque prendere in mano le redini della situazione: adottando cambiamenti da praticare nel quotidiano, possiamo riattivare il metabolismo lento o bloccato.

Il primo passo è quello di aumentare e tonificare la massa muscolare: più massa si ha, più energia viene consumata. Come fare? Si apre il sipario a due possibili scenari: iscriversi in palestra oppure continuare sul proprio cammino ed aggiungere dei toccasana.

Se si opta per l’ iscrizione in palestra, è preferibile creare un piano di allenamento ben strutturato: è importante alternare esercizi aerobici (i classici esercizi che si svolgono senza affanno, che prevedono uno sforzo moderato per un periodo di tempo prolungato. Ne sono un esempio la cyclette e la camminata, senza scatti) ad esercizi anaerobici (esercizi faticosi, molto intensi ma di breve durata. Per esempio, scatti di corsa o i salti con la corda). Per completare la “ricetta” aggiungiamo una sana dose di sollevamento pesi e di esercizi cardio (possono essere eseguiti sia con che senza attrezzi).

Se il tempo a disposizione non ci permette di andare in palestra dobbiamo adoperare diverse strategie. Si va al lavoro in auto? Parcheggiarla leggermente più lontano rispetto al solito può essere un’ idea. Si utilizzano mezzi pubblici? Scendere una fermata prima e fare l’ ultimo tratto a piedi. Oppure evitare l’ascensore e preferire le scale – ogni scalino, in salita, permette di bruciare quasi una caloria. Poi ancora: usare le buste della spessa, piene, come pesi, o utilizzare le bottiglie dell’acqua per fare un po’ di sollevamento pesi, nella comodità del proprio salotto.

Un’ulteriore proposta può essere quella di adottare un cane. Si sa, gli animali domestici vanno portati a spasso, per farli sgranchire e fare i proprio bisogni e questo è un ottimo spunto per una passeggiata – deve essere una scelta molto consapevole.

Dall’attività fisica alla tavola

Ok, l’ attività fisica è importante ma non è l’unico elemento da modificare, se si vuole “risvegliare” il metabolismo.

L’acqua e l’idratazione sono due elementi fondamentali: è importante assicurarsi di essere sempre idratati. L’asso nella manica, poi, è rappresentato da qualche cubetto di ghiaccio: scioglierne un paio in un bel bicchiere d’acqua abbondante, favorisce l’abbassamento – seppur lieve – della temperatura corporea: l’organismo si deve attivare e deve ripristinare la temperatura ideale. E, indovinate un po’? Il tutto comporta un notevole dispendio di energia e, quindi, di calorie.

È poi necessario ricordare che la dieta gioca un ruolo fondamentale nella riattivazione dell’organismo. Neanche a dirlo, sarebbe il caso di evitare le grandi abbuffate e gli alimenti ipercalorici, da sostituire con tanti, piccoli spuntini, preferibilmente sani e ipocalorici. Meglio consumare ogni pasto, evitando i lunghi periodi di digiuno, e masticare a lungo e lentamente (in questo modo si inganna anche il cervello e si percepisce prima il senso di sazietà).

Infine, è ottimo mantenere un corretto apporto proteico, preferendo i carboidrati alle fibre (ad esempio pasta integrale, orzo e farro) , evitando il più possibile gli zuccheri, specialmente alla sera.

Il miglior rimedio naturale

Per il metabolismo bloccato, oltre ai rimedi consigliati, gli esperti consigliano anche un integratore. Tra tutti i disponibili in commercio, il migliore al momento è Piperina e Curcuma Plus, che permette di essere in forma e di perdere chili in modo naturale. Questo prodotto sta ottenendo successi e consensi grazie ai benefici riscontrati e alla mancanza di controindicazioni. Infatti, al momento, è il più utilizzato nelle varie diete.

Un integratore che ha le seguenti proprietà:

  • Brucia le calorie in eccesso
  • Stimola il metabolismo e l’azione dei succhi gastrici favorendo una ottima digestione
  • Sazia e riduce il senso di fame in modo da non arrivare troppo affamati ai pasti della giornata
  • Depura il fegato, l’intestino e reni, oltre a mantenere la forma per molto tempo
  • Riduce la massa grassa.

Per chi volesse approfondire, può cliccare qui

Un integratore, notificato dal Ministero della Salute e che possono assumere tutti coloro che vogliono perdere in modo sano e naturale. Si consiglia di assumerne due compresse con un bicchiere abbondante di acqua in concomitanza con i pasti principali per attaccare immediatamente le cellule adipose e impedire che si depositino. Piperina e Curcuma Plus è un integratore consigliato dai migliori esperti del settore in quanto non ha controindicazioni o effetti collaterali dal momento che si basa sui seguenti ingredienti naturali:

  • Piperina: si trova nel normale pepe nero da cucina a cui dona il classico gusto piccante, aumenta il metabolismo e i succhi gastrici aiutando a dimagrire in modo rapido ed efficace
  • Curcuma: una spezia di colore giallo, nota anche come lo zafferano delle Indie, si usa molto nella cucina orientale, ha proprietà disintossicanti, in quanto elimina le scorie e le tossine che si sono accumulate in eccesso
  • Silicio Colloidale: ingrediente che non tutti conoscono, ma che protegge la pelle, i tendini e le ossa, oltre ad aumentare le prestazioni e l’efficacia dei due ingredienti essenziali.

Essendo un prodotto originale ed esclusivo, non è disponibile nei negozi fisici o siti di e-commerce online. L’unico modo per acquistarlo è tramite il sito ufficiale del prodotto, compilare il modulo con i propri dati che sono trattati nel rispetto della privacy e attendere la chiamata dell’operatore per la conferma dell’ordine. Il prodotto è in promozione stagionale al costo di 49 Euro per 4 confezioni invece di 196 Euro con spedizione gratuita. Il pagamento si effettua sia con carta di credito o Paypal, ma anche in contrassegno, ossia in contanti al corriere al momento della consegna.