Michelle Hunziker risponde alle accuse di razzismo asiatico sollevate da Diet Prada

Di Elena Fausta Gadeschi
·4 minuto per la lettura
Photo credit: Rosdiana Ciaravolo - Getty Images
Photo credit: Rosdiana Ciaravolo - Getty Images

Occhi a mandorla e stereotipato difetto di pronuncia per cui tutte le r diventano l. Sono gli attributi che dovrebbero rendere immediatamente riconoscibile la comunità cinese nel mondo secondo Jerry Scotti e Michelle Hunziker, che durante una puntata di Striscia la Notizia hanno inscenato un siparietto di cattivo gusto per presentare il servizio dell’inviato Pinuccio per la rubrica “RaiScoglio24", dedicata alla gestione della sede Rai, anzi Lai, di Pechino. Se lo sketch ha fatto subito storcere il naso a qualche utente, che l’ha definito “un vecchio modo di fare televisione”, poche ore dopo i due conduttori del tg satirico sono stati bollati di razzismo per aver scelto, ancora una volta, di rappresentare la comunità cinese attraverso una narrazione discriminatoria e lesiva della loro sensibilità. A muovere per primo l’accusa di razzismo il noto volto dei social Louis Pisano, che ha definito la televisione italiana come “spazzatura” e ha aggiunto: "È così disturbante che queste persone continuino a essere presenti su media seguiti da milioni e milioni di italiani che vengono influenzati e informati da questo tipo di comportamento". I post dell'influencer sono stati ripresi da Diet Prada, il profilo americano da 2,7 milioni di follower che si occupa di moda, ma anche di temi sensibili come la discriminazione, il razzismo e l’inclusività. Lo stesso canale – per intenderci – che nel 2018 scatenò una bufera contro una pubblicità di Dolce & Gabbana accusata di essere razzista verso il popolo cinese.

Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images
Photo credit: Stefania D'Alessandro - Getty Images

Nella dura critica mossa da Diet Prada, nelle persone di Tony Liu and Lindsey Schuyler, si legge: "Gerry Scotti, ex membro del Parlamento italiano, e Michelle Hunziker, attrice e modella italo-svizzera, hanno iniziato deridendo la pronuncia cinese della lettera R, chiamando la rete "LAI" invece di "RAI". I conduttori hanno quindi continuato alzando gli angoli degli occhi alla maniera dei comuni gesti razzisti intesi a caricaturizzare i lineamenti asiatici. A un certo punto, con gli occhi alzati, Hunziker ha parlato in modo incomprensibile. L‘episodio è stato seguito da 4.662.000 spettatori secondo Auditel, società che misura i dati della TV italiana. Striscia la Notizia va in onda su Canale 5, un canale televisivo di Mediaset, società di mass media di destra di proprietà dell'ex premier Silvio Berlusconi". Una descrizione accurata che nel ricostruire l’intero contesto della vicenda non dimentica di citare il marito di Michelle, Tomaso Trussardi, amministratore delegato dell'importante maison di moda né di ricordare come sia Scotti che Hunziker si siano più volte schierati a favore della causa Lgbtq+ e dei diritti delle donne.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La risposta di Michelle Hunziker non si è fatta attendere e in un video pubblicato stamattina su Instagram la conduttrice prende una netta posizione contro qualsiasi forma di intolleranza e odio nei confronti delle altre culture, inclusa quella cinese. “Dico alle mie figlie di scusarsi quando si fanno del male fra di loro, anche quando capita accidentalmente. Per questo sarebbe corretto che io facessi lo stesso” – esordisce la showgirl, che siamo sempre stati abituati a vedere sempre solare e sorridente, ma che per questo video di scuse si fa seria e preoccupata per aver urtato la sensibilità degli spettatori. “Sono davvero dispiaciuta e mi scuso se posso aver ferito qualcuno. Viviamo tempi in cui le persone sono sensibili a proposito dei loro diritti e io sono stata infantile, molto infantile, nel non averne tenuto conto. Grazie a Dio i tempi stanno cambiando moltissimo e noi stiamo adottando parole nuove e inclusive: un cambiamento di cui io voglio decisamente fare parte. Rinnovo le mie scuse a tutta la comunità tanto offesa. Io sono ben lontano dall’essere razzista. Gli stereotipi fanno parte della nostra vita quotidiana anche quando non ci accorgiamo della loro presenza o del fatto che possono essere dolorosi per alcune persone. Ci siamo abituati agli stereotipi, li abbiamo normalizzati, ma ora stiamo imparando a cambiare, tutti noi stiamo imparando a cambiare e io apprezzo l’opportunità di poter cambiare. Per cui scusate ancora e, per favore, non odiate. Commettiamo tutti degli errori”.

Poco dopo l’accaduto la conduttrice, pensando probabilmente di smorzare i toni, aveva pubblicato una foto del suo levriero Odino con gli occhi chiusi al sole mentre "fa il cinesino”. Un post che avrebbe dovuto sdrammatizzare sull’accaduto, ma che invece è stato letto come la riprova di una mancanza di rispetto della Hunziker nei confronti del popolo asiatico. A togliere ogni dubbio circa il suo sincero dispiacere il video pubblicato stamattina, che ha già raccolto più di 90mila like tra i suoi follower, a cui si raccomanda di non trasformarla in un bersaglio di odio perché tutti, appunto, possono sbagliare. L’importante è riconoscerlo.