Mindfulness per l’ansia: è efficace come i farmaci?

Le tecniche di mindfulness, come la meditazione e gli esercizi di respirazione, sono spesso indicate come metodi chiave per combattere lo stress e l'ansia.

I ricercatori della Georgetown University hanno scoperto che un programma di mindfulness guidato può essere efficace quanto un "farmaco standard" per il trattamento dei pazienti con disturbi d'ansia.

Per lo studio, la dott.ssa Elizabeth Hoge e colleghi hanno reclutato oltre 275 persone tra il 2018 e il 2020 e le hanno assegnate in modo casuale a un corso di riduzione dello stress basato sulla mindfulness (MBSR) o dirottate verso l’assunzione dell’escitalopram, venduto con i nomi commerciali Lexapro e Cipralex. I sintomi dei partecipanti sono stati valutati dopo otto, 12 e 24 settimane.

I ricercatori hanno scoperto che entrambi i gruppi hanno registrato una riduzione di circa il 30% dei sentimenti ansiosi.

«Mi ha dato gli strumenti per valutare me stessa. Una volta che si è consapevoli di una reazione ansiosa, si può scegliere come affrontarla», ha detto Olga Cannistraro, che faceva parte del gruppo MBSR.

«Non è una cura magica, ma è un allenamento che dura tutta la vita. Invece di progredire, la mia ansia è andata nella direzione opposta, e ne sono molto grata».

Guardando al futuro, il dottor Hoge spera che i risultati possano essere applicati a diversi scenari.

«Un grande vantaggio della meditazione mindfulness è che non richiede una laurea in clinica per formare qualcuno a diventare un facilitatore di mindfulness. Inoltre, le sessioni possono essere svolte al di fuori di un contesto medico, come ad esempio in una scuola o in un centro sociale», ha osservato.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati su JAMA Psychiatry.