The Modern Artisan è il nuovo progetto di Yoox-Net-a-Porter con il Principe Carlo

Di Vito de Biasi
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Italian Modern Artisans Moodboards/ Copyright G.A. Mocchetti
Photo credit: Italian Modern Artisans Moodboards/ Copyright G.A. Mocchetti

From Harper's BAZAAR

Si possono tenere insieme l’alto artigianato espresso dalla moda sartoriale e le nuove informazioni che arrivano dall’analisi dei dati? Il gruppo Yoox-Net-a-Porter dice di sì, e riesce a coniugare in un unico progetto la conoscenza materiale del sarto e quella astratta dell’algoritmo. Il nome del progetto è The Modern Artisan e ha un partner d’eccezione, The Prince’s Foundation, la fondazione di Sua Altezza Reale il Principe del Galles, da sempre impegnata nel sostegno al savoir faire artigianale nel rispetto dell’ambiente. Il risultato è una capsule collection femminile e maschile in vendita su tutti i canali del gruppo, Yoox, Net-a-Porter, Mr Porter e The Outnet, pronta per la stagione Autunno Inverno 2020.

Photo credit: Copyright Mike Wilkinson
Photo credit: Copyright Mike Wilkinson

Una capsule che celebra due anniversari importanti: i 20 anni di Yoox e i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, figura presa a ispirazione del progetto soprattutto per la sua capacità di tenere insieme conoscenze e mondi diversi, l’invenzione e il calcolo. Federico Marchetti, presidente e amministratore delegato di Yoox-Net-a-Porter e il Principe Carlo, che presiede la Prince’s Foundation, hanno affidato a due gruppi di studenti, uno italiano, l’altro inglese, il compito di progettare la collezione a partire dalle lezioni di Leonardo, senza dimenticare le esigenze pressanti della contemporaneità, come l’eco-sostenibilità. I futuri progettisti di The Modern Artisan hanno così potuto apprendere le tecniche sartoriali tradizionali, ma anche l’uso dei dati forniti da Yoox e la trattazione di materiali prodotti nel rispetto dell’ambiente.

Photo credit: Copyright G.A. Mochetti
Photo credit: Copyright G.A. Mochetti

Un lavoro all’incrocio di molte esigenze diverse che dà la misura della molteplicità di aspetti da non dimenticare nella produzione di una collezione di moda contemporanea. Ed eccola, la capsule collection che in ogni capo sintetizza tutte quelle informazioni. Basti un solo esempio: le culotte in lana merino hanno delle pieghe ispirate direttamente agli studi dei drappeggi nei disegni di Leonardo.

Photo credit: Courtesy
Photo credit: Courtesy

La lana utilizzata viene da una delle eccellenze scozzesi che collaborano con la Prince’s Foundation, Johnstons of Elgin, mentre la silhouette è decisa anche tenendo conto delle preferenze delle clienti di Yoox-Net-a-Porter: secondo i dati forniti dall’e-commerce, raccolti in 5 anni su 4,3 milioni di utenti, il taglio preferito di culotte è quello con la gamba molto ampia. Una forma morbida ottenuta anche con il gioco di pieghe leonardesche scelte dagli studenti di The Modern Artisan. E così il cerchio si chiude.