Monet, pittore e giardiniere

·6 minuto per la lettura
Immagine in evidenza predefinita Tuo Benessere
Immagine in evidenza predefinita Tuo Benessere

La mostra Monet – Il tempo delle ninfee porta a Milano un pezzo del mondo che il padre dell'impressionismo si era costruito pezzo dopo pezzo nella dimora di Giverny. Il suo giardino giapponese è oggi il più visitato al mondo, ma cosa centra il giardinaggio con la pittura di Monet?

Si può dire che non avremmo avuto l'uno senza l'altro ed è lo stesso Monet a lasciarlo intendere: «Il giardinaggio è un'attività che ho imparato nella mia giovinezza quando ero infelice. Forse devo ai fiori l'essere diventato un pittore» confida infatti negli anni della maturità, quando la sua vista declina.

Ecco perché mi sembra importante riportare qualche dato sulla nascita e sullo sviluppo del questo suo giardino raccolto saggiamente dal Sole24ore e da tanti altri che in questi giorni si stanno dilettando con le ricerche di informazioni più approfondite.
LA PROPRIETÀ. Monet acquistò la casa di campagna in Normandia, a 50 chilometri a nord di Parigi, nel 1890 quando, con l'impennata dei valori delle sue tele impressioniste, l'artista esce definitivamente dalle ristrettezze economiche.

La proprietà di Giverny consiste in tre aree distinte: il giardino dei fiori, detto Clos Normand, di fronte alla facciata della casa, il giardino acquatico (dove metterà a dimora le ninfee) al di là della ferrovia, e l'orto-frutteto, coltivato in una proprietà separata, la Casa Blu.

IL GIARDINO GIAPPONESE
. Dopo aver trascorso dieci anni a inventare le Clos Normand, e a ritrarre su tela le sue abbondanti fioriture, Monet rivolse, infatti, la sua attenzione al terreno paludoso che si trovava in fondo alla proprietà, oltre la ferrovia. Comperò questa terra intrisa d'umidità e decise di creare un giardino acquatico. Non era impresa facile. Per farlo, il pittore dovette innanzitutto deviare il corso di un fiume, il Ru, per far entrare acqua fresca e ossigenata nello stagno. Chiese il permesso alle autorità locali per costruire due ponti di legno e istallare una pompa che – assicurò – non avrebbe abbassato il livello dell'acqua del connesso fiume Epte. Monet garantì anche che intendeva solo coltivare piante acquatiche.

Ma gli abitanti di Giverny si dimostrarono sospettosi. Temevano che le ninfee e gli altri cultivar esotici che l'artista voleva mettere a dimora si propagassero nei letti dei fiumi circostanti, avvelenando l'acqua. Gli fu negato il permesso. Monet non si arrese e chiese di nuovo l'autorizzazione di creare un giardino «che delizi gli occhi» e che provveda a fornirgli «soggetti da dipingere». Il giornalista C. F. Lapierre, molto influente nella regione, appoggiò il pittore con una campagna stampa e alla fine il prefetto cedette. Monet ottenne il permesso di iniziare i lavori. Nacque così il celebre stagno.

Le radici delle ninfee furono collocate in basi di cemento sul fondo del laghetto, perché le piante non dilagassero diventando infestanti. Monet le considerò comunque troppo numerose e le fece sfoltire regolarmente: le foglie, infatti, impedivano all'artista di vedere la luce riflessa nell'acqua che diventerà un motivo dominante nei quadri dipinti negli ultimi anni.

Il ponte sullo stagno è di chiara ispirazione giapponese, ma invece di dipingerlo di rosso corallo, come i ponti che si vedono nelle stampe di Hokusai e di Hiroshige, lo fa tinteggiare di un verde brillante.

La pergola sopra al ponte, coperta di glicini viola e bianchi, venne creata in un secondo tempo, mentre nel corso degli anni il bosco circostante si arricchì di nuovi alberi. Affascinato dalle potenzialità di questo nuovo luogo, silenzioso e tranquillo, Monet lo osservò a lungo, lasciandolo evolvere, prima di iniziare a ritrarlo su tela. «Mi ci è voluto molto tempo per capire le mie ninfee. Le avevo piantate per il gusto di piantarle, e le ho coltivate senza pensare di ritrarle… Non si assorbe un paesaggio in un solo giorno» dichiarò il pittore.

Monet arrivava al laghetto prima dell'alba, mentre con gli amici insisteva perché lo vedessero prima del tramonto, quando si chiudevano i fiori di ninfea. Comperò anche una barca di legno con tettoia per scivolare sull'acqua e da questa barca, solidamente ancorata a riva con una corda, si metteva a dipingere. Oppure dipingeva da terra. La figliastra Blanche – che curò lo spazio verde dopo la scomparsa del pittore – scrisse che, per Monet, il giardino «era l'unica distrazione dopo la fatica e l'impegno spossante che metteva nella sua pittura».

IL SOL LEVANTE. Il giardino lacustre di Monet viene considerato un cup garden, un giardino a forma di coppa nella tradizione giapponese. Oltre a Van Gogh dunque anche Monet era rimasto affascinato dal Paese del Sol levante. «Se davvero avete bisogno di trovarmi un'affiliazione, scegliete i giapponesi del passato» dichiarò Monet a un giornalista. «Il loro gusto rarefatto mi è sempre piaciuto e apprezzo le implicazioni di una visione estetica che evoca una presenza con un'ombra e il tutto attraverso un frammento».

Il pittore collezionava stampe giapponesi nella tradizione Ukiyo e le opere di Utamaro, Hokusai e l'Hiroshige, che tanto amava appunto Van Gogh, sono ancora appese nelle stanze della casa di Giverny. Una vicina di casa di Claude Monet, Lilla Cabot Perry, pittrice impressionista che aveva vissuto a lungo in Giappone con il marito studiando arte giapponese, aiutò Monet a procurarsi le piante esotiche per il laghetto, aiutandolo a mettersi in contatto con vivaisti giapponesi. Arrivarono così, presso lo specchio d'acqua, le peonie erbacee e gli aceri che diventano rosso fuoco in autunno.

Monet, però, non accettava tutto quello che veniva dal Giappone: ad esempio non amava affatto i bonsai e neppure le cascate. E anche se inizia ad apprezzare i fogliami sovrapposti in lontananza, continua a mettere macchie di colore vivace che si riflettano nell'acqua: iris viola e gialli, astilbe rosa e azalee porpora.

LA GUERRA. Nel 1914, quando scoppia la Prima guerra mondiale, i suoi giardinieri lo abbandonano. In pieno conflitto, nel 1916, egli costruisce uno studio per terminare le ninfee. Si mette all'opera e crea i pannelli chiamati Grandes Décorations. Durante la guerra il suo orto rifornisce di verdura fresca l'ospedale per soldati feriti di Le Prieuré. Al termine del conflitto, i giardinieri ritornano. E lui si raccomanda, mentre liberano il suolo dalle erbacce: «Controllate che la terra di compostaggio sia diventata soffice e friabile».

LA MORTE. Quasi cieco, lavora alle ninfee fino al 1925, fra dubbi, ripensamenti e momenti di sconforto. In novembre viene a fargli visita lo statista Georges Clemenceau. Il proprietario di Giverny racconta al ministro che ha appena ricevuto una spedizione di bulbi di gigli giapponesi. «Vedrete la loro bellezza in primavera. Io non ci sarò più», dice il pittore all'uomo politico che lo ama e lo incoraggia.

Aveva ragione. Claude Monet si spegne il 5 dicembre del 1926 lasciando scritto: «Voglio solo parenti dietro al feretro. E soprattutto ricordatevi che non voglio né fiori né corone al mio funerale. Sono onori vani. Sarebbe un sacrilegio fare razzia dei fiori del mio giardino per un'occasione del genere». Per vedere altre immagini del giardino di Monet oggi qui c'è una bellissima photogallery.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli