Morto il principe Filippo, marito della regina Elisabetta

·2 minuto per la lettura

Il principe Filippo, consorte della regina Elisabetta II, è morto all’età di 99 anni.

La notizia è stata annunciata da Buckingham Palace su Twitter venerdì (9 aprile 21).

«È con profondo dolore che Sua Maestà la Regina ha annunciato la morte del suo amato marito, Sua Altezza Reale il Principe Filippo, Duca di Edimburgo», si legge nel tweet.

«Sua Altezza Reale è morta pacificamente questa mattina nel Castello di Windsor».

La notizia arriva poche settimane dal il ricovero del principe, tornato a Windsor per riprendersi dopo aver trascorso 28 notti in ospedale, in seguito ad un’infezione causata da una patologia preesistente.

Il duca si è ritirato dai doveri reali nel 2017, poco dopo essere stato ricoverato in ospedale ed aver subito un intervento chirurgico di sostituzione dell'anca l'anno successivo.

Lo scorso gennaio Philip è stato coinvolto in un incidente automobilistico dopo essersi fermato sulla strada principale vicino al Queen's Sandringham Estate nel Norfolk, in Inghilterra. Il reale è rimasto illeso nell'incidente, ma il conducente e il passeggero dell'altra vettura coinvolta nell'incidente sono stati ricoverati in ospedale. Un bambino di nove mesi è rimasto illeso. Il reale non ha dovuto affrontare accuse, ma ha rinunciato alla patente di guida dopo l’incidente.

Al momento della sua morte, il principe Filippo, che condusse uno stile di vita attivo fino ai 90 anni, era il consorte e il membro maschile più longevo della famiglia reale britannica.

Nato nelle famiglie reali greca e danese, Filippo lasciò la sua nativa Grecia per studiare in Francia, Germania e Regno Unito, dove entrò in marina nel 1939 e combatté nella seconda guerra mondiale.

Nel 1947 ha annunciato il fidanzamento con la regina.

Il principe Filippo lascia la regina Elisabetta e i loro figli Carlo, Andrea, Anna e Edoardo, oltre a otto nipoti, tra cui il principe Harry e il principe William.