Morto il rapper MF Doom, l'annuncio della moglie 2 mesi dopo

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Il rapper MF Doom, nome d'arte di Daniel Dumile, è morto lo scorso 31 ottobre a 49 anni. L'annuncio della scomparsa, a due mesi esatti dal decesso, è stato dato l'ultimo giorno del 2020, giovedì 31 dicembre, dalla moglie Jasmine sui social, Instagram e Facebook, senza tuttavia spiegare il luogo e le cause della morte; nessuna spiegazione neppure sul perché sia stata annunciata con due mesi di ritardo.

Nel post la moglie ha reso omaggio al "miglior marito, padre, insegnante, studente, socio in affari, amante e amico che potessi chiedere". Un portavoce di Rhymesayers, la casa discografica di Fm Doom, ha confermato la morte del rapper senza precisarne le cause

Danuel Dumile era nato a Londra il 9 gennaio 1971 (la madre era originaria di Trinidad e il padre dello Zimbabwe) ed era cresciuto a New York, dove si era trasferito da bambino con la famiglia. A Long Island iniziò da teenager ad esibirsi nel gruppo hip hop 'Kmd'. Figura centrale della scena alternativa hip-hop, MF Doom ha incarnato il ruolo del 'super-cattivo' del genere rap, mostrandosi con il volto mascherato per parecchi anni. Riguardo alla decisione di esibirsi con una maschera aveva detto in un'intervista nel 2009 di voler salire sul palco "senza che la gente pensi le cose che solitamente pensa".

Durante la sua carriera Dumile ha usato anche altri nomi d'arte, come Zev Love X, King Geedorah, Metal Fingers e Viktor Vaughn. Era considerato da molti amanti dell'hip hop uno dei produttori più prolifici ed innovativi in circolazione. Le collaborazioni con Madlib hanno dato vita al duo Madvillain, con cui ha ottenuto anche il primo grande successo commerciale con l'album "Madvillainy" nel 2004.

Dumile cominciò a fare rap nel 1998 e gà allora la sua faccia era coperta da una maschera, che ne celava le sembianze. La sua nuova identità deve molto al fumetto della Marvel 'Doctor Doom'. In quel periodo la maschera di FM Doom era una replica esatta della maschera indossata da Massimo Decimo Meridio nel film 'Il gladiatore'. Con lo pseudonimo di Viktor Vaughn (un altro dei personaggi contenuti di 'Doctor Doom', il cui vero nome è Victor von Doom), ha pubblicato due album, dal titolo "Vaudeville Villain" e "Venomous Villain".