Morto il wrestler Brodie Lee, aveva 41 anni

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Il mondo del wrestling piange la morte di Brodie Lee, vera star del ring, il cui vero nome era Jonathan Huber. Huber, che era conosciuto anche con l'altro alias di Luke Harper, avevo solo 41 anni. E secondo quanto riferito sui social network dalla moglie Amanda è morto dopo una lunga lotta contro una malattia polmonare non correlata al Covid. Era nato a Rochester il 16 dicembre 1979 ed è ricordato principalmente come Luke Harper per i suoi trascorsi tra il 2012 e il 2019 nella WWE, dove ha vinto una volta l'Intercontinental Championship, una volta l'NXT Tag Team Championship (con Erick Rowan) e due volte lo SmackDown Tag Team Championship (una volta con Rowan e una volta con Bray Wyatt e Randy Orton). Negli ultimi tempi ha militato nella All Elite Wrestling come Brodie Lee vincendo una volta l'AEW TNT Championship.

Era assente da qualche settimana dagli show della federazione, che ha annunciato la morte dell'atleta e showman su Twitter. Sempre sui social network, la moglie Amanda Huber, wrestler a sua volta e conosciuta con il nome di Synndy Synn, ha pubblicato un commovente post: "Oggi è morto il mio migliore amico - ha scritto - Non avrei mai voluto scrivere queste parole. Il mio cuore è spezzato. Il mondo lo vedeva come il fantastico Brodie Lee (aka Luke Harper) ma era il mio migliore amico, mio ​​marito e il padre più grandioso che avressi mai potuto incontrare. Nessuna parola può esprimere l'amore che provo o quanto sono distrutta in questo momento", ha aggiunto, sottolineando che Jonathan "è morto circondato da persone care dopo una dura battaglia con un problema polmonare non correlato a Covid".