Morto a soli 31 anni il nipote di Bob Marley


Il nipote di Bob Marley è morto all'età di 31 anni. Martedì 27 dicembre la stella nascente del reggae giamaicano-americano Joseph Mersa Marley è stata trovata senza vita in un veicolo in America. Lo riporta il servizio di streaming TIDAL.
Secondo quanto riferito, Joseph, che in arte si si faceva chiamare Jo Mersa, soffriva di asma da sempre e la stazione radio della Florida WZPP sostiene che sia morto proprio per un attacco d'asma. Suo nonno Bob è deceduto a causa di un cancro nel 1981 all'età di 36 anni dopo aver avuto 11 bambini con sette donne diverse.
Jo è cresciuto in Giamaica, dove ha frequentato la Saints Peter and Paul Preparatory School, prima di trasferirsi in Florida dove era studente alla Palmetto High School. Studiava per diventare ingegnere di studio al Miami Dade College e nel 2014 ha pubblicato l’EP "Comfortable", seguito l'anno scorso da "Eternal".
Non è noto se apparirà nel nuovo film biografico sulla vita di Bob attualmente in fase di realizzazione, che vedrà Kingsley Ben-Adir, 36 anni, interpretare l'icona del reggae.
Jo, il cui padre è il musicista Stephen Marley, 50 anni, aveva affermato in un'intervista del 2014 con il Jamaica Observer che seguire le orme di suo padre era stata una sfida. Aveva detto: “Mio padre ha pubblicato canzoni con un certo significato. È qualcosa di cui devo essere all'altezza".
Jo aveva aggiunto in un’altra intervista rilasciata a The Pier che non sentiva "nessuna pressione" a causa del suo famoso cognome. Aveva affermato: “Non c'è pressione per me. Ringrazio per essere un Marley. Sono molto grato di essere nato dove sono nato e messo dove Dio ha deciso. Ne sono molto grato e orgoglioso”.