Naomi Watts è il volto incredibile dell'ultimo video cinematografico di casa Fendi

·3 minuto per la lettura
Photo credit: Courtesy of Fendi
Photo credit: Courtesy of Fendi

Un'algida bionda si stende composta e vestita di tutto punto su un sofà, davanti a una vecchia tv analogica sintonizzata sul nulla. Poi si mette a gambe incrociate e prova a meditare, invano. Allora cambia idea (e abito), apre il frigo, addenta vorace una tavoletta di cioccolata, agguanta dalla borsa una pallina antistress e una piuma bianca. A quel punto, deflagra. E si lascia andare ad un urlo violento, gesti inconsulti, un ballo schizofrenico. Di colpo la crisi retrocede, e la bionda si ritira sotto il piumone, ridendo. Un video cinematografico d'impatto, per il quale è stata scelta un'attrice col pedigree: Naomi Watts. Sottile e distaccata come una figurina del realismo magico anni '20, l'attrice aussie è in realtà capace di interpretazioni intense. Come nel video girato per fendi, in cui mette in scena un giorno di ordinaria follia, griffata da capo a piedi: la foto in alto la ritrae con vestiti Fendi P/E 2021 by Silvia Venturini Fendi e borse Peekaboo IseeU ed è una foto dello shooting stato scattato a corredo del video Wild Untamed Naomi, girato per celebrare anche l'apertura del nuovo flagship store Fendi a Sydney.

L'inglese naturalizzata australiana candidata a due premi Oscar per i suoi ruoli in 21 grammi e The Impossible, ultimamente anche su Netflix col dramma familiare Penguin Bloom, si è presa una pausa dai set hollywoodiani per interpretare il breve corto di Sophia Li, e dare sfoggio delle sue doti interpretative vestita Fendi dalla testa ai piedi. L'idea, infatti, è venuta alla Maison romana per celebrare la borsa iconica Peekaboo IseeU, la collezione p-à-p di questa stagione nonché la creatività, l'artigianato e lo spirito ludico che la caratterizzano. Per rendere la performance più realistica, Watts ha messo a disposizione il suo appartamento di New York, prestandosi anche come modella per uno shooting sempre scattato da Sophia Li. A Elle racconta, in esclusiva italiana, il progetto di cui è stata protagonista.

Photo credit: Courtesy of Fendi
Photo credit: Courtesy of Fendi

Il video girato per Fendi c'entra con la solitudine, e con lo stare bene con se stesse. Quanto è importante per lei?

Sono sicuramente una che sta meglio in compagnia, e che ama circondarsi di gente. E quando mi capita di stare da sola, do ancora più valore al rapporto con gli altri. Sono selettiva, ma ho amicizie femminili che mi accompagnano da decenni. Bisogna comunque trovare un equilibrio anche per i fatti propri.

Cosa le piace del brand Fendi?

La femminilità e la delicatezza dei suoi capi, il loro non essere mai scontati. Ho vestito Fendi tante volte sul red carpet e ai festival; gli abiti sono stupendi, anche se io sono una fan dei completi. E poi naturalmente adoro la Peekaboo, la sua funzionalità che va ben oltre il design.

Nel video si lascia andare a un ballo scomposto. Le capita di farlo?

Sono una ballerina mancata, da ragazza pensavo sarebbe stato quello il mio futuro. Quando capita sono la prima ad andare in pista ma non faccio nulla di coreografato, mollo i freni e mi lascio semplicemente andare. È liberatorio.

Un altro momento forte del corto è l'urlo lancinante che fa verso la fine, prima di placarsi sul letto...

Urlare è un modo per perdere il controllo, e a volte fa bene. Come attrice anni di coaching mi hanno insegnato a gridare senza danneggiare le corde vocali. Talvolta lo faccio anche sul set per darmi una scossa, e passare da una scena all'altra. Lo trovo catartico.

Come impegna il suo tempo libero?

Faccio yoga, corro, nuoto. A volte medito, oppure cucino anche se non sono una grande cuoca. Poi amo stare ore nella vasca coi sali e le candele accese: ascolto podcast, leggo libri, ripasso la mia parte. Sono una che non è capace di fare una cosa per volta...


Photo credit: Courtesy of Fendi
Photo credit: Courtesy of Fendi