Napoli: pizzaiolo dona pizze ai bisognosi per il suo compleanno

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Gaetano Boccia (Foto dal profilo Facebook)
Gaetano Boccia (Foto dal profilo Facebook)

La sera del suo 37esimo compleanno ha deciso di festeggiare donando pizze ai bisognosi. Protagonista del generoso gesto è Gaetano Boccia, pizzaiolo di Somma Vesuviana, in provincia di Napoli, che ha infornato 70 pizze da mezzo metro da distribuire alle famiglie in difficoltà del paese.

"Sono fatto così, non mi andava di festeggiare da solo. Sono dieci anni dall'apertura del mio locale, e pur non navigando nell'oro, non posso girarmi dall'altra parte se c'è qualcuno in difficoltà - ha spiegato Gaetano - Ho solo reso felice qualche bimbo ed arricchito il mio cuore. In questo momento di difficoltà dobbiamo essere tutti uniti".

GUARDA ANCHE: Chiara Ferragni 'rimbalzata' dal pizzaiolo di Caserta: cosa voleva per mangiare una pizza

A indossare il grembiule insieme a Gaetano anche la moglie e la madre, che oltre alla pizza hanno preparato le crocchè. Il cibo e una bottiglia di Pepsi-cola sono state consegnate a domicilio dai volontari del nucleo di protezione civile "Cobra 2".

"Un grande cuore quello di Gaetano - ha commentato il sindaco Salvatore Di Sarno, che ha contribuito ad individuare le famiglie bisognose - Oggi più di ieri dobbiamo dare sorriso a chi rischia di perderlo".

GUARDA ANCHE: Marco Mengoni fa la pizza, l'ordinazione di Laura Pausini su Instagram: 'Mettiti in fila'

Qualche settimana fa un gesto di solidarietà a Prato, in Toscana. Le sorelle titolari della pizzeria a taglio “American Pizza”, Sara e Serena Macaluso, dopo aver subito una rapina da un uomo che le ha minacciate con un'accetta, hanno deciso di regalare pizze a chiunque il 3 dicembre si fosse presentato nel loro locale chiedendo un aiuto.

"Parlando con i miei genitori e con mia sorella Serena abbiamo iniziato a pensare che probabilmente questo gesto poteva essere stato commesso da una persona in difficoltà economiche - ha raccontato Sara a La Nazione - Qualcuno rimasto senza lavoro in questa pandemia, qualcuno che forse ci ha rapinato per necessità. Così ci siamo detti: dobbiamo prendere il lato positivo di questa vicenda e contribuire ad aiutare chi ne ha bisogno".