Natale: ecco quanto spenderanno gli italiani per i regali

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

I consumi delle famiglie italiane a dicembre subiranno un calo del 12% rispetto all'anno scorso a causa della crisi scatenata dal coronavirus. A dirlo è la Confcommercio, che sottolinea come le conseguenze delle incertezze economiche si faranno sentire anche sui regali di Natale. Da quasi l'87% del 2019, la percentuale di persone che quest’anno deciderà di fare acquisti per amici e parenti scende a poco più del 74%. Tra questi, poi, c’è chi deciderà di spendere un po’ meno rispetto allo scorso dicembre (164 euro a testa contro 170).

Inoltre, proprio quest’anno si registra la più alta percentuale di persone che prevede un Natale molto dimesso (84,5% contro il 68,7% del 2019).

VIDEO - Nuovo Dpcm Natale, Littizzetto e il testo in esclusiva

Dicembre resta comunque il mese più importante dell’anno, anche se, per quanto riguarda i consumi commercializzabili, il suo valore economico si riduce da 81 a 73 miliardi di euro. Ma, secondo la Confcommercio, potrebbe valere ancora di più se solo esistessero le condizioni, dal momento che molti italiani potrebbero spendere quanto accumulato durante il lockdown (la liquidità risparmiata è pari a 80 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2020).

VIDEO - La OMS chiede cautela, c'è preoccupazione per gli allentamenti del Natale

“Sarà un Natale difficile anche dal punto di vista economico. La crisi rallenta i consumi e l'emergenza Covid obbliga ancora molte imprese a restare chiuse come quelle della ristorazione. Ma c'è tanta voglia di ripartire che va incoraggiata. Bene, come da noi richiesto, che l'ultimo decreto preveda l'esonero degli oneri fiscali per le imprese più penalizzate. Un'attenzione necessaria che chiediamo anche per gli indennizzi che devono essere ancora rafforzati”, ha commentato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli.

VIDEO - Coronavirus, Babbo Natale finisce dentro una sfera