Nei vestiti (e nella sfilata) Chanel Haute Couture si cela l'identikit della musa contemporanea

·4 minuto per la lettura
Photo credit: COURTESY CHANEL PRESS OFFICE
Photo credit: COURTESY CHANEL PRESS OFFICE

“Siamo soliti decantare i musei ma non sufficientemente le muse. È perché le incontriamo raramente?”: la sfilata della collezione Chanel di vestiti alta moda Autunno Inverno 2021 2022 si apre così, con un quesito che ha il sapore di un enigma poetico e contemporaneo al tempo stesso. Virgine Viard, direttrice creativa della maison francese, potrebbe infatti aver intrapreso la strada del suo processo creativo chiedendosi proprio questo, in primis: chi è, veramente, la musa per antonomasia nell’era di oggi?

Nell’ottica contemporanea della maison Chanel, che eredita tutti i suoi valori dalla fondatrice Mademoiselle Gabrielle e dall’ex direttore creativo Karl Lagerfeld, esiste una visione d’insieme piuttosto recente fatta di muse del calibro di Linda Evangelista, Stella Tennant (la modella tanto cara a Karl, prematuramente scomparsa), ma anche di Cara Delevingne, Kaia Gerber e – lungi da noi ometterla – la pupilla di Virgine Viard, Kristen Stewart. Il tipo di musa che i vestiti Chanel alta moda Autunno Inverno 2021 2022 ambiscono però a dare volto è quasi una creatura eterea e fluttuante, che esiste – eccome, se esiste – ma che secondo l’haute couture firmata dalla maison “è rara a vedersi”. Dove la si può incontrare, allora? “Oltre il colonnato in un gioco di luci e ombre, le vediamo apparire e scomparire dietro la curvatura cesellata della pietra, vestite di tweed e seta, dove i gioielli, i fiori - e i gioielli che sono fiori – sbocciano”, annuncia la casa di moda. La location ora non è più un mistero: siamo nel Paris Galliera, storico museo della moda di Parigi, ed è qui che il sogno onirico dell’haute couture Chanel prende vita.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Arte e moda, ciascuna al servizio dell’altra in uno scambio reciproco di bellezza. Le muse Chanel che sfilano indossando i vestiti alta moda Autunno Inverno 2021 2022 sono la dichiarazione assoluta di una regola aurea: l’arte sta alla vita come Chanel sta alla bellezza. E in questa proporzione bilanciatissima, ecco che l’estetica inseguita da Coco per tutta la durata della sua esistenza diventa tangibile grazie alla nuova collezione haute couture: “Guardiamo avanzare queste sublimi ispiratrici dai fianchi cinti da velluti intarsiati di perle, o liberi avvolti in plissé, che camminano come statue animate tra le altre immobili - allegorie della Pittura, della Scultura, dell'Architettura - in questo palazzo che si risveglia sotto le luci della bellezza, del ritmo e dell'allure”, conferma la maison.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Iconici tailleur nel tweed signature di Chanel, completi spezzati e giacche checked: i pezzi chiave più identificativi dei codici sartoriali della maison si confermano ancora una volta uniforme assoluta della donna Chanel, che prende vita in un spettro di colori vivaci con cui Virgine Viard ha voluto "spezzare il grigiore della stagione invernale". Inoltre, è proprio nei vestiti alta moda Autunno Inverno 2021 2022 che si concretizza il rendez-vous delle muse al museo: l’attenzione è focalizzata sul punto vita, che si abbassa fino a farsi reminiscenza delle silhouettes Anni 20 delle flapper girl e firma dello stile di Gabrielle all'epoca. Lo dimostra l’abito nero lungo con balze bianche all’interno, così come un'impalpabile ma grintosissima verve - quella che riempiva di vita le sale da charleston degli Anni 20! - anima energicamente il vestito bianco con drappeggio e fiocchi neri laterali.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Lo si osservi nel dettaglio: di tutti i vestiti Chanel alta moda Autunno Inverno 2021 2022, questo abito bianco con fiocchi neri risuona familiare. Già protagonista dei video teaser (realizzati da Sofia Coppola) che la maison ha pubblicato prima della sfilata haute couture a Parigi, l’abito porta con sé il nome di una nuova musa assoluta in casa Chanel. L'attrice e modella statunitense Margaret Qualley – tornata oggi in passerella per il coup de théâtre finale in abito da sposa – è stata infatti fortemente voluta da Virgine Viard per “personificare una moltitudine di muse della moda, dilettandosi nell'architettura neorinascimentale del Palais Galliera”. Ad avere ispirato la direttrice creativa nella realizzazione di questa collezione, infatti, non sono state solo le ampie sale del museo parigino ma anche le opere artistiche della pittrice impressionista francese Berthe Morisot, l'illustratrice Marie Laurencin e Édouard Manet. Il risultato? "Ci sono abiti ispirati all'impressionismo, gonne che richiamano dipinti e un lungo abito in raso bianco con fiocchi neri, proprio quello che appartenne a Morisot...", commenta Viard. Perché l’arte sta alla vita, come Chanel alla bellezza (e le sue muse).


Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli