Netflix cancella «Pearl», la serie animata di Meghan Markle

La nuova serie animata «Pearl» di Meghan Markle è stata cancellata da Netflix.

Come riporta Deadline, la decisone di abbandonare il progetto della Duchessa sarebbe da attribuire al calo di iscrizioni e alle recenti perdite registrate dal colosso dello streaming.

Meghan aveva lavorato come produttrice esecutiva sulla serie (ancora in fase di sviluppo) al fianco di David Furnish, attraverso la Archewell Productions, la società fondata con il Principe Harry. Si trattava della prima serie realizzata dalla Archewell.

«Pearl», annunciata la scorsa estate, avrebbe dovuto seguire le avventure di una ragazzina 12enne che trova la sua ispirazione grazie all’influenza di alcune importanti donne della storia.

La perdita nei ricavi ha costretto Netflix a cancellare altri progetti in fase di sviluppo, tra cui due show animati per bambini come «Dino Daycare» e «Boons And Curses».

Archewell e Netflix avevano annunciato di aver raggiunto un ricco accordo pluriennale nel febbraio 2021. Rimane al momento confermata la serie del Principe Harry, «Heart of Invictus», sugli Invictus Games del reale britannico.

Dopo la notizia della cancellazione, la produttrice esecutiva e showrunner di «Pearl», Amanda Rynda, ha così commentato: «È molto triste che, quando compagnia attraversa dei periodi difficili, decida di tagliare progetti come questo. Questa serie era divertente e scaldava il cuore. Avrebbe ispirato le giovani ragazze e parlato alle persone che sono poco rappresentate. Sarebbe stata molto significativa per il loro pubblico».

«Sono dispiaciuta per il nostro team e tutti coloro che ci hanno aiutato. È stato un onore guidare un team così ricco di talento. Avete portato la vostra grande passione a Pearl e sono molto orgogliosa di quello che abbiamo raggiunto e grata di aver lavorato con ognuno di voi».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli