Nicolas Cage: «La quarantena mi ha messo ansia»

·1 minuto per la lettura

La quarantena ha causato un’ansia profonda in Nicolas Cage.

Lo racconta l’attore di «Face/Off» che apparirà prossimamente nel film “Pig”, dove vestirà i panni di Rob, un cacciatore di tartufi che vive nelle terre selvagge dell’Oregon, costretto a tornare nella sua città natale, Portland, per trovare il suo animale domestico rubato.

«La quarantena è stata per me molto ansiosa perché non sapevamo dove avrebbe portato», ha spiegato alla rivista GQ. «E mi piace immensamente il cibo. Mi piace spendere i miei soldi per questo: andare al ristorante e parlare con lo chef. È quasi una parte spirituale della mia vita. Questo è un altro motivo per cui ho pensato che Rob fosse una buona parte per me, a causa del mio sincero rispetto per gli chef e per ciò che possono realizzare. Il mondo culinario epicureo è stato molto significativo per me. È sempre venuto prima: senza il cibo, prima, non potevo godermi il dipinto o la musica. Ho messo gli chef ad un livello molto alto nel regno dell’arte».

Tuttavia, il 57enne è riuscito a trascorrere più tempo vicino alla famiglia durante la pandemia.

«Avevo la mia famiglia e avevo i miei animali e ho guardato numerosi film. Quindi ho fatto molto, ma comunque avrei voluto gustare un granchio e abbinarlo a un buon chardonnay».

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli