Nikola, rivisto accordo con GM, titolo cede 22%

·2 minuto per la lettura
Il logo Nikola su un pick-up dell'azienda, durante un evento organizzato a Torino con Cnh Industrial

DETROIT (Reuters) - General Motors Co e Nikola Corp hanno annunciato una revisione dell'accordo della loro partnership su un sistema a celle a combustibile, eliminando una quota di partecipazione nella start-up per GM e abbandonando i piani per la costruzione di pick-up elettrici di Nikola.

Intorno alle 16,35 italiane il titolo Nikola perde quindi il 25,9%. Nikola Corporation è partecipata da Cnh Industrial con una quota del 7,1%.

A settembre le due società hanno annunciato un accordo per la fornitura di batterie, di un'architettura del telaio, di un sistema elettrico a celle a combustibile e di uno stabilimento da parte di GM per la costruzione del pick-up elettrico Badger di Nikola, in cambio di una quota dell'11% e di 700 milioni di dollari.

Tuttavia l'accordo è stato messo in dubbio, dopo che un venditore allo scoperto ha accusato Nikola di frode, accuse respinte dalla società.

La nuova intesa, un memorandum of understanding non vincolante che non scadrà fino a fine 2021, è soggetto a negoziazione e alla stesura di un accordo definitivo, secondo quanto dichiarato da Nikola e GM in comunicati separati.

Secondo il nuovo accordo, GM fornirà il proprio sistema a celle a combustione per i modelli commerciali di Nikola Class 7 e Class 8. Le aziende stanno anche discutendo il potenziale uso del sistema a batterie elettriche Ultium di GM nei propri autoarticolati commerciali.

Funzionari di Nikola hanno detto che il nuovo accordo si concentra sul segmento delle proprie attività dedicato ai sistemi a celle a combustione, dove vedono il potenziale più alto.

Sono anche sicuri di siglare un accordo entro la fine dell'anno con un partner energetico per costruire stazioni di rifornimento a idrogeno.

Il titolo Nikola perde quasi il 22% nelle prime ore della sessione. GM, invece, perde il 2,3% intorno alle 16,35 italiane.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)