Noci: un alleato importante nella vecchiaia

Le noci sono state a lungo elogiate per i loro benefici: merito dell’alto contenuto di proteine e minerali alimentari.

A questo si sommano i risultati dello studio condotto dai ricercatori della School of Public Health dell'Università del Minnesota, che hanno esaminato per 20 anni i benefici legati all’assunzione di noci.

Lo studio ha dimostrato che l’assunzione di noci nel regime alimentare in età precoce è correlato ad una attività fisica più efficiente e ad un minor rischio di contrarre malattie cardiache durante la vecchiaia.

«I consumatori di noci hanno mostrato un vantaggio in relazione alla qualità della dieta, e sembrano avere un profilo dei fattori di rischio di malattie cardiache migliore rispetto agli altri gruppi, anche dopo aver tenuto conto della qualità complessiva della dieta», afferma la dott.ssa Lyn M. Steffen.

«I cambiamenti sorprendenti e salutari nel modello alimentare generale dei consumatori di noci suggeriscono che le noci possono fungere da ponte o "cibo vettore” per aiutare le persone a formare abitudini alimentari e stili di vita sane per tutta la vita».

L'assunzione media di noci durante lo studio era di circa 21 grammi al giorno. Mentre l'assunzione di noci tra gli altri consumatori di noci era di circa 42 grammi.

Le noci sono l'unica noce dell'albero che è un'ottima fonte di acido alfa-linolenico omega-3, che si ritiene svolga un ruolo fondamentale nella salute del cuore, nella salute del cervello e nell'invecchiamento sano.

«I mangiatori di noci sembrano avere un fenotipo corporeo unico che porta con sé altri impatti positivi sulla salute come una migliore qualità della dieta - afferma la dottoressa Lyn M. Steffen -, soprattutto se si inizia a mangiare noci dalla giovane età fino alla metà dell'età adulta - ovvero quando si eleva il rischio cronico di malattie come quelle cardiache, obesità e diabete».

I risultati completi sono stati pubblicati sulla rivista Nutrition, Metabolism, & Cardiovascular Diseases.