Non vediamo l’ora di vedere il film su Carla Fracci con protagonista un’attrice molto speciale

·2 minuto per la lettura
Photo credit: Marka - Getty Images
Photo credit: Marka - Getty Images

Hanno lavorato gomito a gomito, entrambe con il desiderio di realizzare qualcosa di unico e speciale. Carla Fracci e Alessandra Mastronardi si sono prese per mano durante le riprese di Carla e non vediamo l'ora di vedere il risultato, di perderci nel racconto emozionante della vita dell’étoile italiana più famosa al mondo. "Era una donna di immenso talento e pari forza. Sembrava fragile, ma aveva una perseveranza e una determinazione uniche", ha detto l'attrice romana al Corriere della sera ricordando la regina della danza, scomparsa ieri a Milano a 84 anni.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il film, diretto da Emanuele Imbucci, sarà trasmesso questo autunno su Rai 1 e vedrà al fianco di Alessandra nelle vesti della "prima ballerina assoluta" (come la definì il New York Times nel 1981) Stefano Rossi Giordani nei panni del marito e unico grande amore Beppe Menegatti, famoso e stimato regista teatrale (il matrimonio nel 1964 e pochi anni dopo la nascita del loro unico figlio Francesco, oggi architetto e professore al Politecnico di Milano e papà di Giovanni e Ariele).

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Un biopic dedicato a una leggenda a cui la stessa Carla aveva collaborato, come dimostra una foto in bianco e nero rubata dal set allestito a Orvieto e alla Scala di Milano postata dalla Mastronardi sul suo profilo Instagram proprio per ricordare la "dolce signora della danza" nel giorno della sua scomparsa. "È stato più che un onore avere avuto la possibilità di poter entrare nelle tue scarpette. Eri una libellula ferma nell’aria ma con le ali in perenne impercettibile movimento, leggera e nello stesso tempo fortissima, elegante, bellissima", ha scritto l'attrice romana classe 1986 prossima alle nozze con il fidanzato Ross McCall, "ci hai lasciato un meraviglioso messaggio, che con il vero lavoro, i sacrifici, cuore e dedizione i sogni diventano più tangibili e veri".

"Spero che il film possa renderle omaggio nel migliore dei modi. È stata un’artista straordinaria", le parole della produttrice della pellicola Gloria Giorgianni affidate all’Adnkronos, "Carla era venuta sul set alla Scala all’inizio di marzo, era serena, abbiamo fatto le riprese lì e scattato foto insieme sul set. Un momento bellissimo, estremamente emozionante. E soprattutto, un momento che ci ha dato la gioia di condividere con lei questa cosa dal vivo". E poi, "Ha visto poco ma le stava piacendo, aveva letto la sceneggiatura, era tenuta informata su tutto. Avrei voluto farglielo vedere finito ma purtroppo non ci siamo riusciti“.

Il film, liberamente ispirato all’autobiografia dell’étoile Passo dopo passo – La mia storia, parte dal racconto della vita di Carla bambina nell’immediato dopoguerra, poi adolescente e giovane donna nella Milano degli anni Sessanta, seguendone l’ascesa e il successo mondiale. "Quando ci siamo viste mi disse che le sarebbe piaciuto che la mia interpretazione mostrasse la fierezza e la forza con cui ha affrontato la vita", e Alessandra ha fatto di tutto per mantenere quella promessa speciale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli