Nuova stretta, pronte le ordinanze in tre Regioni: cosa cambia

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Nuova stretta, pronte le ordinanze in tre Regioni: cosa cambia (Photo by Luca Zanon/Awakening/Getty Images)
Nuova stretta, pronte le ordinanze in tre Regioni: cosa cambia (Photo by Luca Zanon/Awakening/Getty Images)

Sono pronte le ordinanze delle Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. I governatori hanno lavorato per misure più restrittive di quelle al momento previste e ne hanno discusso con il ministro della Salute Roberto Speranza.

Emilia Romagna, negozi chiusi la domenica

Negozi chiusi la domenica, con le eccezioni di farmacie, parafarmacie, generi alimentari, tabaccherie e edicole. È questa la principale novità introdotta dall'ordinanza anti assembramenti dell'Emilia-Romagna. Rimangono aperti bar e ristoranti, con la limitazione imposta dal Dpcm di chiusura alle 18.

GUARDA ANCHE - Il malato è grave, ma deve restare al gelo

Friuli-Venezia Giulia, anziani nei supermercati la mattina

Secondo l’ordinanza del Friuli-Venezia Giulia, si raccomanda agli anziani “l'accesso agli esercizi commerciali di grandi e medie strutture di vendita nelle prime due ore della giornata.

Il goverrnatore Massimiliano Fedriga ha spiegato: "Non è che un over 65 non può andare a fare acquisti in orari diversi, ma cerchiamo di garantire delle fasce protette. Non è una limitazione, ma una raccomandazione che facciamo agli esercizi di organizzarsi e favorire l'ingresso riservato nelle prime due ore di apertura degli esercizi". La misura riguarda le attività di grandi dimensioni, "non parliamo dei negozi di vicinato".

GUARDA ANCHE - L’ultimo messaggio del 28enne malato di Covid

Veneto, vietato passeggiare nel centro storico

Da venerdì 12 novembre al 3 dicembre in Veneto non è consentito passeggiare nelle strade e nelle piazze dei centri storici delle città e nelle aree affollate. A dirlo è l'ordinanza illustrata dal presidente Luca Zaia. "Niente 'vasca' - ha spiegato - niente struscio e non si affollano le spiagge".

"Abbiamo l'ordinanza - ha aggiunto Zaia -. Non è un atto d'imperio, ma è anche un po' un fallimento. È un segno dei tempi, perché in un mondo dove si rispettano regole non servirebbe a nulla. Si cerca di intercettare gli irriducibili. È un fallimento sociale perché il buonsenso non è per tutti".