Obbligo vaccino, Costa: 'Settembre mese decisivo'

·1 minuto per la lettura

"Settembre può essere un mese assolutamente decisivo" per le vaccinazioni anti-Covid. "Nel nostro Paese quasi 40 milioni di concittadini hanno ricevuto la prima dose e quindi, secondo me, in questa fase dobbiamo continuare ad avere fiducia nei nostri concittadini che hanno dimostrato senso di responsabilità". Così sull'ipotesi di obbligo vaccinale il sottosegretario alla Salute Andrea Costa all'Adnkronos Salute.

"Io ho sempre detto che sull'obbligo non sono contrario a priori, però - chiarisce Costa - i problemi vanno affrontati quando si presentano. Ora abbiamo ancora del tempo davanti, vediamo come proseguirà la campagna vaccinale, tra l'altro - sottolinea - in queste ore c'è già una ripresa sulle prenotazioni. E' chiaro e fisiologico che ad agosto ci potesse essere una flessione, dopo di che credo che l'obbligo vaccinale dovrà essere valutato se il problema persisterà".

"Se con la vaccinazione volontaria non riusciamo a raggiungere l'obiettivo dell'immunità di gregge - afferma il sottosegretario - è chiaro che dobbiamo prendere in considerazione anche l'obbligo vaccinale partendo da alcune categorie. Però - ammonisce - ad oggi dobbiamo continuare a veicolare un messaggio di fiducia nei confronti dei vaccini perché io credo che una grossa fetta dei cittadini che non si sono vaccinati non sono 'no-vax' ma persone che magari hanno bisogno di essere un po' persuase e convinte. E non credo - afferma Costa - che la radicalizzazione del confronto possa portare a risultati positivi. Credo che ci sia bisogno di dialogare con questi cittadini. Dopo di ché - conclude - se il problema persiste ovviamente sono favorevole all'obbligo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli