Offrivano in vendita vaccini per il Covid: oscurati due siti

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
FILE - In this Dec. 15, 2020, file photo, a droplet falls from a syringe after a health care worker was injected with the Pfizer-BioNTech COVID-19 vaccine at Women & Infants Hospital in Providence, R.I. The first COVID-19 vaccinations are underway at U.S. nursing homes, where the virus has killed upwards of 110,000 people, even as the nation struggles to contain a surge so alarming that California is dispensing thousands of body bags and lining up refrigerated morgue trailers. (AP Photo/David Goldman, File)
(AP Photo/David Goldman, File)

I Carabinieri del NAS hanno oscurato due siti internet che promettevano la vendita di vaccini anti Covid-19 e influenzali.

I siti web erano collocati su server esteri e con riferimenti di gestori non individuabili, sui quali erano illegalmente pubblicizzati e offerti in vendita vaccini per il COVID-19 e per l’influenza, soggetti a obbligo di prescrizione e vendibili solo in farmacia da parte di farmacista abilitato.

GUARDA ANCHE: La scienziata del vaccino anti-Covid: "Per anni snobbata dall'università"

L’esame del primo sito, strutturato apparentemente in modo simile a una piattaforma di e-commerce, ha consentito ai Carabinieri del NAS di rilevare che nella “vetrina virtuale”, tramite apposita sezione dedicata al "Sars-Cov-2", erano presentati 3 asseriti vaccini per il COVID-19 potenzialmente acquistabili anche da utenti connessi dal territorio nazionale.

L’analisi del secondo sito web, anch’esso liberamente raggiungibile, ha permesso ai Carabinieri di evidenziare la presenza di 2 vaccini antinfluenzali per i quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso, nello scorso mese di ottobre 2020, un “Medical product alert” relativo a possibili partite contraffatte in area centroamericana.

GUARDA ANCHE: In arrivo a Natale il vaccino anti-Covid nell'UE

Il mercato virtuale veicolato dalla rete internet, come emerso in precedenti controlli che hanno già portato all’oscuramento di 132 siti dall’inizio dell’emergenza sanitaria, è diventato un’importante fonte di commercio e approvvigionamento di farmaci molto spesso non autorizzati, con claim accattivanti e vantanti proprietà in grado di prevenire e curare diverse patologie, tra le quali il COVID-19.

GUARDA ANCHE: Vaccino anti Covid, ecco lo spot promozionale