Oggi è la giornata mondiale della pasta! Endorfine a profusione con questa ricetta top

Di Redazione Digital
·3 minuto per la lettura
Photo credit: courtesy photo
Photo credit: courtesy photo

From ELLE

Preparate gli ingredienti e mettete l'acqua sul fuoco: oggi è la giornata mondiale della pasta - aka il giorno più bello e buono dell'anno - e noi abbiamo una ricetta di pasta fresca fatta in casa davvero da leccarsi i baffi. Per celebrare il pasta day 2020 abbiamo, infatti, scomodato lo chef Stefano Cipollini, coordinatore didattico Cucina di Scuola Tessieri (scuola di cucina e pasticceria concepita come una bottega del Rinascimento aperta ad amatori, chef, pasticceri, restaurant manager, bakery specialist, ma anche artisti del cioccolato, maestri gelatai, professionisti della pizza gourmet, cuochi specializzati in cucina veg e gluten free, ndr) e docente di Masterclass per professionisti e corsi professionali, e ci siamo fatti dare - in esclusiva per Elle.it - la ricetta tradizionale del Gomitelli al nero di Seppia rivisitata in chiave gourmet.

Simili all'aspetto alle orecchiette - anche se molto diversi sia mai che i puristi si agitino - i gomitelli sono una pasta fresca fatta in casa facile da realizzare e gustosissima da assaggiare che si sposa perfettamente proprio con un sugo come la vichyssoise al nero di seppia. E parlando di pasta fatta in casa è proprio lo Chef Cipollini a spiegarci come fare la pasta fresca in modo impeccabile: “Una delle ricette più tradizionali, se non la più tradizionale per fare una pasta all’uovo fatta in casa, è la ricetta della nonna: ogni 100 grammi di farina un uovo intero. Per perfezionare questo metodo, visto che le uova non hanno tutte lo stesso peso, possiamo dividere i tuorli dagli albumi per poi pesarli. È inoltre importante il metodo di stesura della pasta. La pasta più buona che si possa mai assaggiare è sicuramente quella stesa con il mattarello perché non ha doppi ripiegamenti, è elegante, morbida e vellutata in bocca, ma la pasta stesa a macchina ci dà la possibilità di sbizzarrirci di più”.

Fare la pasta fresca fatta in casa è difficile e laborioso? In realtà meno di quello che sembra in apparenza, basta un po' di pratica e un pizzico d'amore e la giornata mondiale della pasta (25 ottobre 2020, ndr) è o non è l'occasione perfetta per cimentarsi? Ecco dunque la ricetta speciale dei Gomitelli al nero di Seppia dello chef Stefano Cipollini, seguite tutti i passaggi e buon appetito.

Photo credit: courtesy photo
Photo credit: courtesy photo

La ricetta dei Gomitelli al nero di Seppia per la giornata mondiale della pasta 2020

Ingredienti per i gomitielli

500 gr di semola o semola rimacinata

250 gr di acqua tiepida

1 pizzico di sale

Ingredienti per la Vichyssoise

500 gr patate pasta bianca

200 gr porri

300 gr panna

Sale

Pepe

Burro

1 lt brodo di pollo

30 gr erba cipollina

Procedimento

In una casseruola sciogliere il burro e appassirci i porri (solo la parte bianca) procedendo a fuoco lento e conditi con un pizzico di sale. Una volta appassiti unire le patate tagliate finemente, bagnare col brodo di pollo e portare a cottura. Frullare il tutto in un mixer aggiungendo il sale, il pepe e a mano la panna. Tenere in caldo a 60°C circa.

Ingredienti per le seppie al nero

500 gr di seppie pulite

1 spicchio d’aglio

Sale

Olio

1 bicchiere di vino bianco secco

1 cucchiaio di nero di seppia

1 foglia di alloro

1 cucchiaino di maizena

Procedimento

In una casseruola insaporire un filo di olio con l’aglio, aggiungere le seppie tagliate a piccoli pezzi ed alzare la fiamma. Sfumare col vino bianco, aggiungere l’alloro, il nero di seppia e fare cuocere per 45 minuti circa bagnando con del fumetto di pesce. A cottura ultimata aggiungere pochissima maizena stemperata in acqua fredda, far bollire le seppie per un minuto e spegnere.

Consigli per l'impiattamento dei Gomitelli al nero di Seppia

Cuocere in acqua salata i gomitielli, scolarli e tenerli al caldo in una padella con un filo di olio. Disporre i gomitielli nel piatto, farcirli con le seppie al nero e ultimare con la vichyssoise. Per dare un tono erbaceo e persistente terminare con qualche germoglio di porro o cipolla.