Ogni quanto lavare le lenzuola per sogni d'oro (e zero problemi alla pelle)

Di Claudia Santini
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Taisiia Shestopal su unsplash
Photo credit: Taisiia Shestopal su unsplash

From ELLE

Immagina di tornare a casa dopo una lunghissima giornata di lavoro, di spogliarti e lanciare via i vestiti più stretti e fastidiosi, di indossare un pigiama caldo e morbido e di infilarti direttamente tra le lenzuola fresche di bucato - tese, pulite e profumate ad hoc: esiste niente di più sexy, comfy e rilassante? Una vera e propria carezza per il cuore e l'anima, una coccola meravigliosa che concilia sonni sereni. Oh yes, per quanto meraviglioso, non è possibile per motivi di tempo - e per evitare di inquinare ancor di più il pianeta, ça va sans dire - lavare le lenzuola dopo ogni utilizzo, asciugarle e rifare da zero il letto ogni giorno. La domanda, quindi, sorge spontanea: ogni quanto lavare le lenzuola per fare sogni d'oro, non avere alcun problema di igiene e salvaguardare la pelle da eventuali irritazioni? Gli esperti si sono pronunciati, preparati a prendere appunti.

Ogni quanto lavare le lenzuola: cosa si nasconde nel nostro letto?

First thinfg first, la questione più antipatica da affrontare - alias: quali minacce si nascondono tra le nostre lenzuola? Philip Tierno, microbiologo dell'Università di New York, ha più volte ribadito come il nostro adoratissimo letto possa facilmente trasformarsi in un vero e proprio terreno di coltura di batteri, funghi e acari della polvere. Ebbene sì: durante la notte sudiamo, possiamo perdere saliva, olii della pelle, fluidi sessuali (risultati di una nottata 🔥), perdite di urina (eh sì, succede!) e materiale fecale (proprio così) che creano quell'umidità e le condizioni ideali per far proliferare i piccoli ma pericolosi nemici. Inoltre, se non cambiamo il pigiama, rischiamo di portare tra le lenzuola anche pollini e sporcizia da fuori. Insomma, il rischio infezioni, infimmazioni della pelle e allergie è alle stelle, ecco perché una buona routine di lavaggi e pulizia è *imperativa*. Soffri di acne? Occhio alle federe del cuscino!

Photo credit: liz vo su unsplash
Photo credit: liz vo su unsplash

Ogni quanto lavare le lenzuola: favorire il sonno

Lavare le lenzuola al momento giusto non è solo una questione di igiene: come riporta Ariel Kaye, CEO di Parachute e super esperta di questioni domestiche, la pulizia del letto è anche una questione di salute mentale: sono diverse le ricerche in Usa che confermano come una camera da letto pulita, in ordine e curata possa ridurre lo stress, favorire il rilassamento e un sonno migliore e incoraggiare la produttività diurna (AKA: più siamo più riposati, più forze abbiamo per produrre).

Ogni quanto lavare le lenzuola?

Arriviamo al dunque: per dormire nel pulito e non inquinare eccessivamente l'ambiente, dovremmo lavare le lenzuola ogni 7 - massimo 10 - giorni. Ovviamente, d'estate i tempi si accorciano perché aumenta il sudore, mentre d'inverno possiamo attendere qualche giorno in più. Le cose cambiano in caso di specifiche condizioni: se mangiamo a letto, andiamo a letto senza aver fatto la doccia, se cambiamo poco spesso il pigiama, se non usiamo biancheria intima, se con noi dormono i nostri pet del cuore e se andiamo a letto con i capelli bagnati, il cambio lenzuola va effettuato molto più spesso, dai 3 ai 5 giorni al massimo di utilizzo per dormire nel pulito. Il consiglio è anche quello di scegliere lenzuola traspiranti, di ottima qualità, magari in seta o in cotone puro, facili da tenere ben pulite e sane sulla pelle.

Ogni quanto lavare le lenzuola: come lavarle ad hoc

L'ultimo dubbio riguarda il lavaggio: come lavare efficacemente le lenzuola a prova di microscopio? Prima di tutto, leggi bene l'etichetta delle lenzuola per non rovinarle, scegliendo il programma di lavaggio adatto al tessuto. Scegli comunque lavaggi sui 40-60 gradi per ottenere un pulito sicuro. Poi, evita di caricare troppo la lavatrice per assicurarti che ogni capo venga lavato e risciacquato bene. Infine, non esagerare troppo con l'ammorbidente perché riduce l'assorbenza del tessuto. Super easy!